Arazzi Scassa: da Kandinsky a Botero a Palazzo Zaguri di Venezia

un Arazzo Scassa a Palazzo Zaguri, Venezia

Gli Arazzi Scassa sono i protagonisti della magnifica mostra dal titolo “Da Kandinsky a Botero. Tutti in un filo” ospitata nella splendida cornice di Palazzo Zaguri a Venezia. Un’immersione nell’arte del Novecento e del Made in Italy che vi porterà anche alla scoperta dei viaggi transoceanici dei primi del Novecento.

Arazzi

Devo ammettere che ho deciso di visitare la mostra “Da Kandinsky a Botero. Tutti in un filo” a Palazzo Zaguri d’istinto, attratta da dipinti che amo follemente. Quello che non sapevo era che avrei conosciuto una meravigliosa realtà italiana, e precisamente di Asti, di quelle che ti rendono fiero di essere nato sotto bandiera tricolore!

Arazzo Scassa - Giorgio de Chirico

Arazzi Scassa

Ugo Scassa nasce a Portacomaro d’Asti (1928-2017). Appassionato di arte figurativa, ha l’intuizione di abbinare l’arte d’avanguardia a una delle più antiche fra le arti applicate, la tessitura di arazzi da parete. L’Arazzeria Scassa inizia ufficialmente la propria attività in Asti nel 1957. Il suo esordio ha dello straordinario: Scassa vince il concorso del 1960 per la decorazione del Salone delle feste della I° classe del transatlantico Leonardo Da Vinci, con sedici arazzi, di cui:

  • sei di Corrado Cagli
  • tre di Antonio Corpora
  • tre di Giulio Turcato
  • due di Giuseppe Santomaso
  • uno di Giuseppe Capogrossi

Il laboratorio situato nella Certosa di Valmanera vicino ad Asti, un monastero vallombrosano, si occuperà in seguito anche della realizzazione di 12 arazzi per la turbonave Michelangelo e 24 per la Raffaello.

I grandi maestri del Novecento

Inizia così un periodo straordinariamente fertile, in cui l’arazzeria produce intensivamente per committenze pubbliche e private. Oltre ai grandi artisti italiani, che disegnano direttamente su richiesta di Ugo Scassa, l’arazzeria interpreta con un’estetica calda e accogliente anche le opere di artisti del calibro di Paul Klee, Wassily Kandinsky, Max Ernst, Henri Matisse, Joan Mirò e Salvador Dalì.

La tecnica dei tessuti su grandi telai ad alto liccio potenziano l’espressività di artisti come Casorati, Spazzapan, Afro, Capogrossi e soprattutto Corrado Cagli.

[amazon_link asins=’8857239624,8857206777,8873367119,B07B4Z9DT1,B075T723PQ,B07L3P7GH8,B07KQ75XZL,B06WLKFHRD,B07FJ7C5DN,B07BNZFFYB’ template=’ProductCarousel’ store=’lecosmopoliteblog-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b7744c0d-a9b3-4c10-8cf0-9d5850254627′]

Palazzo Zaguri

Il sogno di Scassa fu sempre quello di esporre un giorno i suoi arazzi a Venezia, che si fregia di una storia dell’arte tessile lunga quasi un millennio e vanta aziende tessili di prim’ordine come la Tessitura Luigi Bevilacqua, Rubelli Tessuti, Venezia Studium, Fortuny Tessuti, riconosciute quali eccellenze italiane nel mondo. Il suo desiderio è divenuto realtà a poco più di un anno dalla sua scomparsa.

Arazzi Scassa a Venezia

Da Kandinsky a Botero. Tutti in un filo

Passeggiando nei quattro piani di Palazzo Zaguri vi perderete passo a passo nella “tana del Bianconoglio”, alla scoperta di mondi tra il fantastico e l’onirico firmati da Basaldella, Botero, Cagli, Capogrossi, Casorati, De Chirico, Clerici, Dalì, Ernst, Gribaudo, Guttuso, Kandinsky, Klee, Mastroianni, Matisse, Miró, Muzzi, Omiccioli, Piano, Sironi, Spazzapan, Warhol.



Booking.com

Arazzi Scassa

Questa mostra mi ha incantato e non posso che suggerirvi questa esperienza! 😀

Arazzo Scassa - Botero
Se no riuscirete a vederla potrete sempre prenotare una visita guidata al Museo degli Arazzi Scassi ospitato nell’antica Certosa di Valmanera ad Asti.

Roberta Ferrazzi
Roberta Ferrazzi, travel blogger veronese fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il salotto dedicato alle donne viaggiatrici, è una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale e forte competenza nel campo della moda, gioielleria, orologeria, design e luxury event. Nel 2017 ha fondato la PR & Digital boutique Shake your S Communication. Oggi progetta e realizza strategie di comunicazione digitali e offline per promuovere con profitto aziende e professionisti. Il suo ufficio è il suo computer. La potrete trovare spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta la conduca. Ama il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggia spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per contattarla
http://www.shakeyour-s.com

Similar Articles

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top
error: Questo contenuto è protetto.