Fiera del Tartufo d’Alba: l’appuntamento da non perdere con il tartufo bianco delle Langhe è anche digitale

Fiera del Tartufo d’Alba: l’appuntamento da non perdere con il tartufo bianco delle Langhe è anche digitale

La Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, per gli amici semplicemente la “Fiera del Tartufo“, è l’evento da non perdere nel territorio patrimonio UNESCO delle Langhe! Ogni anno, in autunno, l’evento dedicato al Tuber magnatum Pico attira ad Alba un pubblico di appassionati da tutto il mondo. Un evento enogastronomico da non perdere, che questo hanno si arricchisce anche dell’Alba Digital Truffle Lab per vivere quest’esperienza anche da remoto. In questo articolo vi racconto la storia della Fiera del Tartufo, la mia visita all’edizione 2020, cosa fare e vedere e come organizzare la vostra travel experience, anche digitale! 😉

Fiera del Tartufo d’Alba

In tante volte in cui ho visitato le Langhe non ero mai stata alla Fiera del Tartufo e sinceramente non sapevo davvero cosa aspettarmi dalla Fiera del Tartufo d’Alba. E poi, cosa ci andavo a fare, io, che di tartufi non ne so nulla? Ebbene la mia esperienza alla fiera è stata bellissima ed arricchente! Ho imparato a famigliarizzare con un mondo che mi era pressoché sconosciuto e ho scoperto tantissime storie e curiosità su questo prodotto che ha sedotto i palati di tutto il mondo. Non ultimo, care amiche viaggiatrici, ho scoperto che le donne stanno conquistando anche questo settore! 😉

Quando è la fiera del tartufo d’Alba

La Fiera del tartufo d’Alba si tiene in autunno, momento dell’anno in cui si raccoglie il rinomato Tartufo Bianco d’Alba, il prezioso fungo ipogeo, che in questa stagione torna a profumare le colline UNESCO di Langhe, Monferrato e Roero accese dai colori caldi del rosso, del giallo, del verde brillante e dell’oro.

Dove si svolge la fiera del tartufo d’Alba

Dove si svolge la Fiera del Tartufo d’Alba? Chissà perché mi aspettavo un capannone in un centro fieristico fuori città! 😀 Sbagliatissimo! La fiera del tartufo si tiene nel cuore pulsante della deliziosa città di Alba e precisamente in Via Vittorio Emanuele 19, la via dello shopping.

Novità di questo anno è che è possibile prendere parte alla Fiera del Tartufo anche da remoto grazie al Truffle Hub di cui vi racconterò nel dettaglio in questo articolo! Questa soluzione permette a tutti gli amanti del tartufo di partecipare anche quest’anno alla fiera, nonostante il Piemonte sia in zona rossa! 😉

Cortile della Maddalena – Alba

Giacomo Morra e la storia della Fiera del tartufo d’Alba

Come è nata la fiera del tartufo d’Alba? Sapete che nella vita oltre a raccontarvi delle mie piccole grandi avventure per il mondo in LeCosmopolite.it, mi occupo di comunicazione online e offline e quando incontro un genio del marketing provo sempre un certo piacere a leggerne la storia e a vedere cosa è stato realizzato grazie all’intuizione, spesso avveniristica, di quel singolo soggetto. Ebbene Giacomo Morra sta al Tartufo Bianco d’Alba come Antonio Avena sta alla Casa di Giulietta di Verona! Per dirla alla Donatella Versace…”GENIOOOOO!!!!” 😀 😉

Giacomo Morra: il Re del Tartufo bianco d’Alba

Ve la faccio brevissima (o quasi). Giacomo Morra nasce nel 1889 a La Morra da una famiglia di contadini. Nel 1908 inizia la sua carriera nel campo della ristorazione, che lo porterà nel 1928 ad acquistare l’Albergo Ristorante Savona di Alba, frequentato da artisti famosi e personaggi del jet set internazionale. Quello stesso anno Giacomo idea la prima “Mostra dei pregiati Tartufi delle Langhe”, che due anni dopo prende il nome di Fiera dei Tartufi d’Alba e che poi Morra lascerà all’Amministrazione comunale.

Giacomo Morra e la Tartufi Morra: la conservazione e commercializzazione dei tartufi d’Alba

Sempre nel 1930 Giacomo fonda la Tartufi Morra, prima azienda di commercializzazione e trasformazione del tartufo bianco d’Alba, che si impone per l’eccellenza del tartufo bianco fresco, venduto in loco o spedito in tutto il mondo tramite corrieri. Giacomo Morra è il primo a commercializzare i tartufi nei tubetti, inventandosi una purea di tartufi bianchi capace di conservarsi per più di un anno, così come barattoli di tartufi bianchi interi, conservati in salamoia e di tartufi neri in confezioni sterilizzate. E sin qui…

Giacomo Morra e il marketing della Fiera del Tartufo

La cosa geniale è come Morra sia riuscito a trasformare un fungo langarolo nel prodotto gastronomico più desiderato e desiderabile al mondo. Giacomo se ne inventa di tutte: organizza treni speciali da Torino e Milano, fa istituire un premio per i migliori esemplari di tartufo bianco, inventa il concorso La Bela Trifulera, trasforma un canile
presso il Castello di Roddi nell’Università per cani da tartufo e organizza le prime ricerche simulate per turisti e giornalisti. Non ultimo Giacomo Morra ha l’idea di regalare ogni anno, in occasione della Fiera del Tartufo d’Alba, una grossa “trifola” a politici o persone famose, insomma gli influencer dell’epoca! Questi grandi tartufi vengono omaggiati negli anni al Re d’Italia Vittorio Emanuele III, a Rita Hayworth, Harry Truman, Winston Churchill, a Marilyn Monroe, all’imperatore d’Etiopia Hailé Selassié e al re Saud d’Arabia, per citarne alcuni.
Ricorda qualcosa? 😉 …

Giacomo Morra e il The Times

Il The Times nel 1933 definì, a ragione, Giacomo Morra il Re del Tartufo, soprannome che gli rimase anche dopo la morte nel 1963.

Giacomo, la spazzola per il tartufo by Gufram

Adesso che sapete chi è Giacomo Morra capirete bene perché in occasione della celebrazione dei 90 anni della Fiera del Tartufo d’Alba il famoso Kit per il Tartufo Bianco d’Alba, che ogni anno si arricchisce di un pezzo di design creato ad hoc, nel 2020 ha visto protagonista il naso di Giacomo! E’ Gufram, il brand italiano di design, quella stessa Gufram che grazie ai suoi elementi di interior ha reso l’azienda vitivinicola L’Astemia Pentita la cantina POP del Barolo (l’articolo al link! 😉 ), ad aver creato una spazzola per il Tartufo Bianco d’Alba davvero indimenticabile! Il progetto ha coinvolto il vulcanico Job Smeets, importante artista e designer belga e langhetto di adozione, che ha realizzato “Giacomo” il naso di Giacomo Morra in versione spazzola creata in oro 24 carati e setole in fibra di tampico 100% naturale, seguendo i principi di performance divulgati dal Centro Nazionale Studi Tartufo.

Grazie alla collaborazione con Gufram e Job Smeets di Studio Job, prende forma un omaggio al ‘fiuto’ di Giacomo Morra e alla sua intuizione, negli anni ’50, di promuovere nel mondo il Tartufo Bianco d’Alba”.

Lilliana Allena – Presidentessa Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Liliana Allena: la regina del tartufo d’Alba

Care amiche viaggiatrici, è giunto il momento “eccellenze al femminile“, che ormai tanto amate nei miei viaggi! 😀 Ma come – vi starete chiedendo – in un mondo maschile come quello dei tartufi hai trovato una donna? La verità è che ne ho trovata più di una! 😉

Durante la mia visita ad Alba ho avuto il piacere di incontrare e chiacchierare con Liliana Allena, che è niente meno che la Presidentessa dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba. Ebbene sì care amiche, la fiera del tartufo è guidata da una donna e che donna! Albese doc, Liliana è imprenditrice, ha due lauree, è stata per 9 anni vicepresidente dell’Ente Turismo Alba, Bra, Langhe e Roero, dal 2015 è l’anima della fiera del tartufo bianco, ama viaggiare e – fatemelo dire – ha un look da urlo!

Liliana mi ha raccontato che tra i trifulau, il nome piemontese dei cercatori di tartufi, si iniziano a vedere sempre più spesso donne e giovani ragazze. Insomma, un po’ come è accaduto grazie allo Squero Tramontin a Venezia, anche il mondo dei tartufi inizia a tingersi di rosa!

Liliana Allena, Roberta Ferrazzi e … il naso di Giacomo Morra by Gufram

Cosa fare alla fiera del tartufo d’Alba

Se vi state chiedendo cosa fare alla Fiera del tartufo d’Alba, la risposta è di tutto e di più! Di fatto questa fiera è un paradiso per gli amanti non solo del tartufo, ma dell’enogastronomia langarola in generale! C’è davvero da perdere la testa! 😀

Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba

Il fulcro della Fiera è il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, dove è possibile acquistare magnifici esemplari di Tuber magnatum Pico alias il tartufo bianco d’Alba, accuratamente selezionati dai giudici di Analisi Sensoriale del Tartufo, formati dal Centro Nazionale Studi Tartufo.

Degustazioni di vini delle Langhe

Durante la Fiera del Tartufo avrete modo di provare una Wine Tasting Experience e degustare i grandi vini di Langhe, Monferrato e Roero!

Cooking show alla Fiera del Tartufo d’Alba

Gli amanti della cucina e del tartufo possono partecipare a degli eccezionali cooking show direttamente in Fiera. Gli chef selezionati sono chef stellati e molto noti che danno vita a vere e proprie creazioni gourmet a basse di tartufo!

Albaqualità: le prelibatezze delle Langhe

All’interno del Cortile della Maddalena, che ospita la Fiera del Tartufo, va in scena anche la rassegna enogastronomica Albaqualità, un tripudio di prelibatezze delle colline di Langhe e Roero, che vanno dai funghi, ai formaggi, alla pasta, alle nocciole e non mancano dei gustosi dolci, che potrete acquistare o anche assaporare in loco.

Fiera del tartufo programma

Queste sono solo alcune delle cose che si possono fare alla Fiera del Tartufo d’Alba. Il programma della fiera è ricchissimo di eventi e attività, che vi consentiranno di fare un’autentica immersione nel territorio e nella cultura grazie a mostre, eventi sportivi, rassegne, incontri, concerti e molto latro ancora. Il modo migliore per tenersi aggiornati e visitare la sezione dedicata del sito ufficiale! 😉

Fiera del tartufo d’Alba biglietti

Giunti a questo punto non vedete l’ora di partecipare alla fiera del tartufo d’Alba? Potete acquistare i biglietti della fiera direttamente online sul sito ufficiale.

Come arrivare alla fiera del tartufo d’Alba

Avete già acquistato i biglietti ed è il momento è giunto? Se vi state chiedendo come arrivare alla fiera del tartufo d’Alba, la risposta è semplice. Dovrete raggiungere il centro di Alba in auto o con il treno e poi farvi una bella passeggiata lungo la via principale fino al Cortile della Maddalena.

Io ho parcheggiato l’auto al parcheggio della Stazione Ferroviaria e da lì, a piedi, si arriva comodamente a destinazione in 10 minuti circa. Il centro di Alba è pedonale, quindi avrete modo di godervi a pieno questa magnifica cittadina.

Truffle Hub: la fiera del tartufo d’Alba si fa digitale

In occasione della 90ª edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, la fiera si fa digitale. Il Castello di Roddi è la sede dell’Alba Digital Truffle Lab. Nell’esperienza digitale i Giudici del Tartufo del Centro Nazionale Studi Tartufo accompagnano i partecipanti alla scoperta del fungo più pregiato del mondo. Ancora, per gli amanti del vino sarà possibile prendere parte al Langhe Digital Wine Lab, che offre degustazioni digitali guidate alla scoperta dei grandi vini piemontesi, in collaborazione con il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e Consorzio Alta Langa DOCG. Insomma sarà possibile vivere una delle fiere più importanti d’Italia anche da remoto prenotando la propria esperienza sul sito della fiera a questo link.

Consigli per organizzare un weekend nelle Langhe

Non vedete l’ora di assaggiare un tartufo bianco d’Alba? Ho raccolto per voi alcuni link che potranno esservi utili per organizzare la vostra vacanza tra le meravigliose colline del Piemonte! 😉

Guide e mappe delle Langhe

Scopri tutti gli articoli di LeCosmopolite.it dedicati alle Langhe >>>
Acquista la tua guida di viaggio per visitare le Langhe >>>

Come muoversi nelle Langhe: biglietti

Acquista il biglietto del bus Hop-on Hop-off nelle Langhe >>>
Acquista il biglietto del treno per le Langhe al miglior prezzo>>>
Scopri le migliori offerte di voli low cost per Torino >>>
Noleggia un’automobile al miglior prezzo per visitare le Langhe >>>

Tour nelle Langhe

Prenota le migliori escursioni e visite guidate in italiano nelle Langhe >>>
Prenota la tua travel experience con un locale in Airbnb >>>
Tour in e-bike delle panchine giganti delle Langhe >>>

Hotel, B&B e appartamenti vacanze nelle Langhe

Prenota i migliori hotel al miglior prezzo nelle Langhe >>>
Prenota il tuo alloggio o casa vacanza nelle Langhe con Airbnb >>>
Guarda le recensioni dei viaggiatori nelle Langhe >>>

Cosa mettere in valigia per un viaggio nelle Langhe

Acquista un’assicurazione di viaggio con assistenza h24 >>>

Roberta Ferrazzi

Roberta Ferrazzi, travel blogger veronese fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il salotto dedicato alle donne viaggiatrici, è una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale e forte competenza nel campo della moda, gioielleria, orologeria, design e luxury event. Nel 2017 ha fondato la PR & Digital boutique Roberta Ferrazzi Communication. Oggi progetta e realizza strategie di comunicazione digitali e offline per promuovere con profitto aziende e professionisti. Il suo ufficio è il suo computer. La potrete trovare spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta la conduca. Ama il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggia spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per contattarla

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.