Stupinigi: la palazzina di caccia del 1700 di Casa Savoia a firma di Juvarra a Torino

Stupinigi: la palazzina di caccia del 1700 di Casa Savoia a firma di Juvarra a Torino

La Palazzina di Caccia di Stupinigi alle porte di Torino fa parte, insieme alla più conosciuta Reggia Di Venaria Reale, del circuito delle Residenze Reali Sabaude del Piemonte iscritte nella lista del patrimonio Mondiale Unesco dal 1997. Creata su progetto dell’archistar Filippo Juvarra, Stupinigi è una delle cose da vedere Torino. In questo articolo vi racconto la mia visita alla palazzina, la storia della reggia e tante informazioni utili per organizzare la vostra gita in questo luogo di favola!

Stupinigi

Ho visitato la splendida Palazzina di caccia di Stupinigi in occasione del mio tour nelle Langhe. Mi ero segnata questa meta già da tempo. Dopo aver visitato la Reggia di Venaria Reale (andate a vederla!) e la vicina residenza di caccia del Castello della Mandria alle porte di Torino, di cui vi racconto al link, mi ero ripromessa di visitare mano mano anche le altre Residenze Reali Sabaude del Piemonte. Così, alla prima buona occasione, ho aggiunto un tassello in fatto di regge di Casa Savoia! 😀

Stupinigi è raccolta, ma magnifica. Se, come me, amate l’architettura, l’arte e il design e avete una passione per castelli e case museo, vi suggerisco di visitarla. Sono sicura che questa gita vi entusiasmerà!

Palazzina di Stupinigi a Torino

Palazzina di Stupinigi storia

Emanuele Filiberto (1528 – 1580)

La Palazzina di Caccia di Stupinigi venne costruita per volere di Vittorio Amedeo II (1666 – 1732) a partire dal 1729 sui terreni che Emanuele Filiberto (1528 – 1580) aveva ceduto all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, oggi proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano.

Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

L’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, creato per Bolla Pontificia nel 1572, è un’ordine militare e religioso, una “sacra milizia”, di natura dinastica sotto la regola cistercense ed il titolo di S. Maurizio, protettore della Casa di Savoia. La sede principale del nuovo Ordine venne stabilità nel dominio di Savoia, e la carica di Gran Maestro venne attribuita al Duca Emanuele Filiberto ed a i suoi successori.

Vittorio Amedeo II e Filippo Juvarra

E’ quindi nella sua veste di Generale Gran Maestro dell’Ordine che Vittorio Amedeo II decise la costruzione della residenza Sabauda per la Caccia e le Feste e ne affidò il progetto al messinese Filippo Juvarra, architetto e scenografo di casa Savoia e uno dei massimi esponenti del Barocco. Anche se la Palazzina fu inaugurata alla festa di Sant’Uberto del 1731, i lavori proseguirono fino alla fine del 1700 con interventi di ampliamento e completamento seguiti da Benedetto Alfieri e altri architetti. La Palazzina di caccia di Stupinigi era un luogo di svago per brevi soggiorni, gli ospiti si fermavano qui per una o due notti al massimo.

Gli ospiti illustri di Stupinigi

Dal 1770 la residenza reale di Stupinigi venne utilizzata anche per importanti ricevimenti. Tra gli ospiti illustri della Palazzina possiamo annoverare:

  • Maria Teresa di Savoia e il conte d’Artois, il futuro re di Francia Carlo X,
  • l’imperatore Giuseppe II
  • Paolo Romanov futuro zar Paolo I e sua moglie,
  • il re di Napoli Ferdinando I di Borbone con la moglie Carolina.

Napoleone Bonaparte

Napoleone Bonaparte soggiornò nella Palazzina di Stupinigi dal 5 maggio al 16 maggio 1805, prima di procedere verso Milano e la Corona Ferrea. Fu ospite di Stupinigi anche Paolina Bonaparte con il marito Camillo Borghese.

Nel 1832 la Palazzina di Stupinigi passò alla famiglia reale. Agli inizi del 1900 fu scelta come residenza dalla Regina Margherita e dal 1919 divenne sede del Museo dell’Arredamento. Nel 1925 ritornò all’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro insieme alle proprietà circostanti.

Stupinigi cosa vedere

La visita alla Palazzina di Stupinigi si divide principalmente in due momenti:

  • la visita dell’interno della residenza reale
  • la visita al Parco naturale Stupinigi

Stupinigi interni

Il percorso museale vi porterà alla scoperta solo di una parte degli interni di Stupinigi. Alcune parti della palazzina sono in fase di restauro e altre adibite a deposito delle collezioni. Potete fare un tour virtuale della residenza di caccia al link, così da pregustare quanto andrete a vedere con i vostri occhi!

Il cervo di Stupinigi

La visita della Palazzina Stupinigi inizia dalla settecentesca Scuderia juvarriana. In questa grande sala vi accoglierà la scultura originale del cervo, simbolo della reggia, realizzato da Francesco Ladatte. Originariamente questa statua era posta sul tetto a padiglione del corpo centrale della Palazzina, ma è stata sostituita con una copia per preservarla dalle intemperie.

Il Salone Centrale di Stupinigi

Il pezzo forte di Stupinigi è il Salone centrale a pianta ovale, cuore della Palazzina. Da qui partono quattro bracci che formare una croce di Sant’Andrea e che conducono nelle bellissime sale del palazzo.

Palazzini Stupinigi di Torino, Sala Grande

Gli Appartamenti Reali

All’intersezione della croce di Sant’Andrea si trovano i sontuasi Appartamenti reali. Da qui si accede all’Appartamento del Re, all’Appartamento della Regina, all’Anticappella e alla Cappella di S. Uberto, il protettore della caccia e dei cacciatori.

Le stanze dei Duchi del Chiablese

Nell’appartamento di Levante si possono ammirare le stanze destinate ai Duchi del Chiablese.

Stupinigi interni: le stanze da non perdere

Nel susseguirsi delle sfarzose sale della Palazzina Stupinigi visiterete:

  • la Sala da Gioco,
  • i Gabinetti Cinesi,
  • il Salotto degli specchi e il vano che ospita la vasca di Paolina Borghese,
  • la Sala del Bonzanigo
  • la Sala delle Prospettive
  • la Sala degli Scudieri

Stupinigi dall’alto: il Parco Naturale di Stupinigi

Una volta terminata la visita degli spazi interni della Palazzina di Caccia di Stupinigi potrete perlustrare il Parco Naturale di Stupinigi, area protetta dei Parchi Reali, che accoglie moltissime specie animali, tranne il cervo che, a differenza di un tempo, non è più presente sul territorio.

Palazzina Stupinigi

Stupinigi orari

Palazzina Stupinigi è aperta nei seguenti orari:

  • dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 17.30 (ultimo ingresso ore 17.00)
  • sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 18.30 (ultimo ingresso ore 18.00)

Controllate il sito ufficiale a questo link per verificare che non ci siano stati cambiamenti!

Palazzina Stupinigi biglietti

Il biglietto per la visita della Palazzina Stupinigi è acquistabile direttamente sul posto. Se nel vostro tour avete previsto anche altre tappe alla scoperta delle regge Sabaude vi consiglio di acquistare online la Royal Card, che vi permetterà di accedere con prezzi vantaggiosi ai castelli e residenze reali del Piemonte e di viaggiare gratis sui mezzi di trasporto pubblico urbano ed extraurbano di Torino.

Dove si trova Stupinigi

Dove si trova Stupinigi? La palazzina di caccia di Stupinigi si trova in Piazza Principe Amedeo 7, a Stupinigi ovviamente! 😀 Stupinigi è l’unica frazione del comune di Nichelino, che fa parte della città metropolitana di Torino. Pensate che la Palazzina di Stupinigi si trova a a 10 km da Piazza Castello, in perfetta direttrice!

Come arrivare a Stupinigi

Adesso che abbiamo capito dove si trova questa meravigliosa residenza Sabauda la domanda è “Come arrivare a Stupinigi?”. La palazzina si trova a 10 Km a sud del centro di Torino. E’ facilmente raggiungibile in auto, in autobus e anche in taxi e di seguito vi spiego come! 😉

Chi arriva da fuori città dovrà semplicemente inserire l’indirizzo nel navigatore. Vi assicuro che non potrete non vedere questa meravigliosa residenza di caccia che affaccia su Viale Torino.

Se è la vostra prima volta a Torino vi consiglio di prendere parte al Free Tour di Torino in italiano, che vi porterà alla scoperta della storia del capoluogo piemontese e dei suoi principali punti d’interesse. Potete prenotare la visita guidata di Torino a questo link. 😉

Come arrivare a Stupinigi da Torino

Come arrivare a Stupinigi in auto

Se volete arrivare a Stupinigi da Torino in auto dovrete percorrere Corso Unione Sovietica e proseguire su Viale Torino sino a raggiungere la palazzina.

Come arrivare a Stupinigi in bus

Se siete in visita a Torino e, come me, amate muovervi con i mezzi pubblici, ecco come arrivare a Stupinigi in bus: dovrete prendere l’autobus linea 4 sino al capolinea e successivamente la linea 41 in direzione Orbassano e scendere alla fermata Stupinigi. Verificate gli orari al link! 😉

Come raggiungere Stupinigi in taxi

E’ possibile arrivare a Stupinigi dal centro di Torino anche in taxi.  In particolare vi segnalo che la Fondazione Ordine Mauriziano ha attivato una convenzione con il servizio Pronto Taxi ( tel. 011 5737) e con la Cooperativa Radio Taxi Torino (tel. 011 5730). Il servizio prevede corse da Torino centro per Stupinigi o viceversa ad un costo fisso di € 22,50 e ingresso alla Palazzina a prezzo ridotto!

Raggiungere Stupinigi con City Sightseeing Torino

Un altro modo per arrivare a Stupinigi è con il servizio bus Hop on – Hop off di City Sightseeing Torino, che potete acquistare al link. Ricordate di controllate gli orari e la disponibilità stagionale della linea per la reggia di Stupinigi. 😉

Dove parcheggiare a Stupinigi

Se avete deciso di arrivare alla Palazzina di caccia in auto e vi state chiedendo dove parcheggiare a Stupinigi, la risposta è semplice. Lungo Via Torino, il grande viale alberato che conduce dritto dritto all’ingresso della reggia, troverete diverse possibilità di parcheggio e anche tanti bar e ristoranti!

Dove mangiare a Stupinigi

Dove mangiare a Stupinigi? Lungo di grande Viale Torino troverete bar e ristoranti in cui potrete fermarvi per mangiare qualcosa, per una colazione o una pausa caffè!

Cosa vedere vicino a Stupinigi

Sono tante le cose da vedere vicino a Stupinigi a partire da Venaria Reale e il Parco de La Mandria, di cui vi ho già parlato all’inizio di questo articolo. Chiaramente la città di Torino con il suo Palazzo Reale, il Museo Egizio, il Museo del Cinema all’interno della Mole Antonelliana, simbolo della città, il Museo dell’Automobile, la Villa della Regina. Ancora, la Basilica di Superga. Se volete spingervi un po’ più in là, le città di Asti ed Alba nel territorio Patrimonio UNESCO delle Langhe.

Se intendete intraprendere un percorso culturale alla scoperta del capoluogo piemontese vi suggerisco di acquistare la card cittadina Torino card, che potrete acquistare online e include l’accesso gratuito in numerosi musei, sia del capoluogo piemontese che della sua regione.

Roberta Ferrazzi

Roberta Ferrazzi, travel blogger veronese fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il salotto dedicato alle donne viaggiatrici, è una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale e forte competenza nel campo della moda, gioielleria, orologeria, design e luxury event. Nel 2017 ha fondato la PR & Digital boutique Roberta Ferrazzi Communication. Oggi progetta e realizza strategie di comunicazione digitali e offline per promuovere con profitto aziende e professionisti. Il suo ufficio è il suo computer. La potrete trovare spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta la conduca. Ama il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggia spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per contattarla

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Nadia

    E’ una residenza molto affascinante che mi piacerebbe inserire in un itinerario tutto piemontese.

    1. Ciao Nadia,
      la Palazzina di Stupinigi è stata una vera sorpresa! Ne consiglio assolutamente la visita.
      Ti auguro una buona giornata,
      Roberta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.