Barbaresco: cosa vedere in 1 giorno, cosa fare e come organizzare la visita

Barbaresco è sicuramente da annoverare tra i borghi da non perdere durante un tour delle Langhe, il suggestivo territorio Patrimonio UNESCO in Piemonte. Questo piccolo comune di Cuneo è conosciuto in tutto il mondo per il suo rinomato vino Barbaresco, per le sue prestigiose cantine vinicole, prima tra tutte Gaja, per suoi ottimi ristoranti e, non ultimo per la Torre di Barbaresco, simbolo della città. In questo articolo vi racconto cosa vedere a Barbaresco e nei dintorni, i ristoranti da non perdere, i migliori hotel in cui soggiornare, le cose da fare assolutamente e come organizzare il viaggio.

Barbaresco

All’ombra dell’antica Torre di Barbaresco la vita scorre tranquilla, tra i piaceri della tavola ed i colori cangianti delle morbide colline, dove le vigne regalano frutti prelibati e tante emozioni. Se volete concedervi un’esperienza all’insegna del viaggiare lento, il territorio Patrimonio UNESCO delle Langhe è sicuramente la meta che fa per voi. Ho il piacere di vivere questa terra da moltissimi anni e nella lista del cosa vedere nelle Langhe sicuramente non può mancare la pittoresca cittadina di Barbaresco. Tra tutti i meravigliosi borghi delle Langhe, sono particolarmente affezionata a Barbaresco ed è quindi con piacere che vi porto con me alla scoperta di questa suggestiva cittadina. Seguitemi 😉 .

Guida turistica, approfondimenti di viaggio ed articoli correlati icona Scopri cosa vedere nelle Langhe con l’itinerario di LE COSMOPOLITE.

Itinerario a Barbaresco nelle Langhe: i consiglie della travel blogger Roberta Ferrazzi

Dove si trova Barbaresco

Prima di tutto collochiamo Barbaresco nel mondo. Dove si trova Barbaresco? Barbaresco è un piccolo comune della provincia di Cuneo, in Piemonte, ed situato nel cuore del territorio Patrimonio UNESCO delle Langhe, lungo la riva del fiume Tanaro. Barbaresco si trova a 10 Km dalla città di Alba, famosa per la Fiera del Tartufo, a 24Km da Barolo, 30 km da Asti e a 64 Km da Torino.

Come arrivare a Barbaresco

Ora che sappiamo dove si trova Barbaresco, la domanda è “Come arrivare a Barbaresco?”. Se state pianificando una vacanza o un weekend a Barbaresco il mio consiglio è di utilizzare l’ auto, la moto o la bici o comunque un mezzo che vi permetta di essere autonomi e muovervi liberamente su e giù per le colline delle Langhe. Se non avete un mezzo di proprietà vi consiglio di noleggiare un’auto o prenotarne una con un servizio di car sharing, anche partendo dal centro di Torino, città che potrete raggiungere comodamente in treno o in aereo.

Come arrivare a Barbaresco in auto

Di certo l’ auto è il modo migliore per visitare Barbaresco ed i suoi dintorni. Gli splendidi borghi, gli antichi castelli, i maggiori luoghi di interesse e le cantine vinicole sono infatti disseminate tra le morbide colline delle Langhe. Quindi la domanda è “come arrivare a Barbaresco in auto ? “. Le strade principali che passano nelle vicinanze di Barbaresco sono:

  • l’ autostrada che corre vicino a Barbaresco è la A 33 Asti – Cuneo.
  • la strada provinciale SP 429, che collega Alba al confine con la Liguria.
  • la strada statale SS 231 che collega Asti a Cuneo.

A seconda del luogo di partenza, una volta giunti ad Alba troverete le indicazioni per Barbaresco. Il mio consiglio è di affidarvi al navigatore che in un baleno vi farà risalire le colline, percorso da cui potrete godere di bellissimi scorci delle Langhe.

Come arrivare a Barbaresco in treno

Come arrivare a Barbaresco in treno? Barbaresco non ha una sua stazione ferroviaria. La più vicina è la stazione dei treni di Alba posta lungo la Ferrovia Cavallermaggiore – Alessandria. Dalla stazione di Torino si raggiunge Alba in un’ora con un treno regionale diretto. Da Alba bisogna poi prendere un autobus cittadino come segue.

Treno: biglietti, orari e prezzi Acquista il biglietto del treno.

Come raggiungere Barbaresco in bus

Per raggiungere Barbaresco in bus da Alba e dalle cittadine vicine dovrete affidarvi ai servizi di Bus Company. Potete controllare gli orari delle linee 62 e 178 che passano per Barbaresco al link.

Barbaresco cosa visitare

Cosa vedere a Barbaresco

Barbaresco è un borgo piccino piccino, ma famoso in tutto il mondo grazie al suo vino. Se vi state chiedendo cosa vedere a Barbaresco la risposta è il suo centro storico con l’ antica torre, le cantine e i dintorni! Trovate di seguito l’itinerario a Barbaresco di 1 giorno di LE COSMOPOLITE.

Centro storico di Barbaresco

Il centro storico di Barbaresco è davvero caratteristico. Lo si raggiunge prendendo per Via Domizio Cavazza o Strada Giro della Valle e saprete di essere arrivati quando vi imbatterete in un’antica chiesa che in realtà è l’ Enoteca Regionale del Barbaresco. Da qui parte Via Torino, unica strada che attraversa il centro storico e che termina accanto alla Torre di Barbaresco a circa 260 metri di distanza. Come avete capito quella a Barbaresco sarà una passeggiata breve, ma intensa! 😉

barbaresco: cosa vedere nel centro storico

Enoteca Regionale del Barbaresco

L’ Enoteca Regionale del Barbaresco si trova in Piazza Municipio 7 ed è la tappa obbligatoria per ogni enoturista che si rispetti, ma anche per chi ama scoprire luoghi suggestivi ed inconsueti. L’Enoteca Regionale del Barbaresco è infatti ospitata all’interno della chiesa sconsacrata dedicata a San Donato, che fu ultimata nel 1833 ed affrescata da Viglino Giuseppe. Qui avrete modo di degustare ed acquistare i vini della denominazione di origine Barbaresco DOCG di oltre 13o cantine locali. L’ enoteca è aperta dal Lunedì al Giovedì, dalle ore 10.00 alle 18.00 e dal Venerdì alla Domenica dalle 10.00 alle 19.00. Ad accogliervi ci sarà anche una sorniona mascotte a quattro zampe. 😀

Meridiana di Barbaresco

Usciti dall’enoteca non potrete non notare davanti a voi sulla destra la grande Meridiana di Barbaresco realizzata nel 1999 dallo gnomista Lucio Maria Morra. La meridiana presenta il calendario stagionale, l’orologio a ore vere del fuso, la meridiana universale e i nomi di quaranta città. Quando l’ombra dello stilo si posa sul nome di una città vuol dire che in quel luogo è mezzogiorno. A Barbaresco questo si verifica all’incirca alle 12.30. la Meridiana si caratterizza anche per la scritta latina Da laborem dabo fructus , ossia “Dà il lavoro, darò i frutti”.

Visita alla Cantina Gaja di Barbaresco

Dando le spalle alla chiesa, proseguendo per via Torino, appena superato il Municipio che troverete alla vostra sinistra vi imbatterete nel rinomato mondo di Gaja, una pluripremiata realtà vitivinicola, tra le più importanti della provincia di Cuneo e tra i produttori di vino italiani più famosi nel mondo. In Via Torino 18 sulla destra potrete vedere l’ingresso alla cantina Gaja e sulla sinistra il Castello di Barbaresco, sempre di proprietà dell’azienda vitivinicola. La storia di Gaja inizia nel 1859 con Giovanni Gaja, ma il marchio si afferma in tutto il mondo grazie al figlio Angelo Gaja. Oggi l’azienda è condotta dalle figlie Gaia e Rossana. Se visitare la cantina Gaja di Barbaresco è un sogno di molti, la visita non è per tutti e lo capirete già dal sito aziendale. Ho avuto il piacere di vivere questo piccolo lusso con una guida d’eccezione. La cantina parte dal livello stradale e si sviluppa sotto terra. Un lungo corridoio di botti collega la cantina ai sotterranei del castello e tra il profumo di legno e di vino è possibile scorgere un suggestivo quanto tipico infernòt. L’infernot è un centenario locale sotterraneo costruito scavando a mano una roccia arenaria o il tufo. Si caratterizza per l ‘assenza di luce e di aerazione diretta e veniva solitamente adibito a cantina o dispensa. Non c’è nulla di più tipico nelle Langhe! 😉

Castello di Barbaresco

Come vi dicevo il Castello di Barbaresco è oggi proprietà della famiglia Gaja, che si è occupata del suo attento restauro e che lo ha trasformato in una sorta di lussuoso ed esclusivo resort per ospiti davvero speciali. La costruzione del castello risale al 1700 ad opera dei conti Galleani. Nei secoli il maniero ha subito numerosi rifacimenti ed è stato utilizzato come sede della Cantina Sociale del Barbaresco e come opificio per la produzione di grappe. L’importante restauro voluto dall’ azienda vitivinicola Gaja lo ha riportato ai suoi antichi splendori. E’ così possibile godere oggi come ieri dei bei saloni affrescati, del romantico giardino, del panorama dall’alto del Tanaro dalle strette torri di avvistamento e non ultimo delle cantine sotterranee dotate anche di antiche ghiacciaie. Possiamo certamente dire che soggiornare in una delle suite del castello è un’esperienza unica!

Chiesa di San Giovanni Battista

Poco prima della Torre di Barbaresco ci si imbatte nella Chiesa di San Giovanni Battista. La chiesa di Barbaresco, che si caratterizza per uno stile barocco, fu eretta nel 1728 e aperta al culto nel 1730. Nel 1756 alla chiesa venne aggiunto il campanile e nel 1780 e in seguito dell’icona di San Giovanni Battista con una cornice in marmo.

Chiesa di San Giovanni Battista a Barbaresco

Torre di Barbaresco

Passo dopo passo siamo arrivati alla Torre di Barbaresco, la vera star di questo pittoresco borgo delle Langhe e simbolo della città di Barbaresco.

Storia della Torre di Barbaresco

L’antica torre di Barbaresco risale alla fine dell’anno Mille e probabilmente faceva parte di una fitta rete di fortificazioni che si estendevano da Asti ad Alba. Costruita in laterizio, la torre di Barbaresco è alta 33 metri ed è ripiena di terra fino a metà. L’entrata si raggiungeva salendo una scala a pioli dalla parte del fiume Tanaro. Dopo un recente restauro la torre è tornata ad i sui antichi splendori ed è accessibile attraverso un sistema di rampe ed ascensori.

Torre di Barbaresco
Visita alla Torre di Barbaresco: apertura, orari e prezzi

Oggi la torre è aperta al pubblico. Visitare la Torre di Barbaresco è sicuramente una delle cose da fare quando si visita questo splendido borgo. La torre è aperta tutti i giorni dalle 10:00 alle 20:00, il biglietto d’ingresso costa 5 euro e potrete salire sia per le scale che in ascensore. Il mio consiglio è di visitare la Torre di Barbaresco al tramonto, quando dalla terrazza panoramica potrete scorgere gli ultimi bagliori del sole screziare la superfice dell’acqua del fiume Tanaro. Uno spettacolo nello spettacolo! 😀

Visitare la torre di Barbaresco
Museo Cavazza e la sale dei 5 sensi

Salendo le scale dell’artica torre ci si imbatte al secondo piano nel “Museo Cavazza” dedicato all’enologia. Domenico Cavazza fu il direttore delle Regia Scuola Enologica di Alba. Nel 1894 acquistò il castello di Barbaresco e fondò le Cantine Sociali di Barbaresco, dando avvio ad un fondamentale lavoro di miglioramento qualitativo del vino Barbaresco.

Al terzo piano ci si ritrova nella Sala dei 5 sensi, ambiente dedicato ad analisi sensoriali con l’ausilio della tecnologia e una proiezione 3D dell’area del Barbaresco DOCG. Nella sala vengono ospitati eventi e degustazioni ad hoc.

Terrazza panoramica della Torre di Barbaresco: aperitivo con vista

L’ultimo livello della Torre è la splendida terrazza panoramica. Una volta giusti sulla cima della Torre di Barbaresco vi si aprirà davanti agli occhi uno spettacolo naturale a 360° in cui il protagonista indiscusso è il territorio patrimonio UNESCO delle Langhe! Dalla terrazza merlata che si trova a circa 30 metri dal suolo e a oltre 200 metri sopra il fiume sottostante, potrete scorgere tutti i paese circostanti, da Alba fino ad Asti, la catena montuosa delle Alpi e, non ultimo, il lento scorrere del fiume Tanaro. All’ingresso della Torre di Barbaresco vi verrà consegnata una mappa che vi aiuterà ad individuare tutti i borghi circostanti. In terrazza potrete anche degustare un calice di vino, magari come aperitivo al tramonto. 😉

Hotel a Barbaresco

Dove dormire a Barbaresco? Come detto questa cittadina è piccina e le strutture ricettive sono 20 circa. Più che hotel, a Barbaresco troverete piccoli ed accoglienti agrituristi, locande e ville. In particolare oltre agli amatissimi:

  • Casa Boffa in Via Torino 9/A, nel centro storico, che presenta una bella terrazza panoramica con jacuzzi e la cantina vinicola in cui degustare i vini di famiglia (prenota),
  • Locanda Rabayà in Strada della Stazione 12, con un ottimo ristorante (prenota),
  • Agriturismo Tre Stelle in Strada Cà Grossa 7, Località Tre Stelle, con un bel giardino, terrazza solarium e la possibilità di degustare il vino di produzione propria e nocciole tipiche della regione (prenota),

vi segnalo l’Agriturismo Rivella di cui trovate la ma recensione di seguito. 😉

Prenotazione hotel Prenota un hotel a Barbaresco.

Agriturismo Rivella

L’ Agriturismo Rivella in località Montestefano a Barbaresco è uno dei miei luoghi del cuore. Si trova a pochi minuti a piedi dal centro di Barbaresco. Le camere, arredate con mobili d’epoca, sono accoglienti. Dalla terrazza e dalla piscina a sfioro si gode di un panorama da cartolina di Neive e delle colline delle Langhe. La colazione è preparata da Silvia Rivella, la proprietaria, che in cucina ha delle manine d’oro, parola mia! 😀 Non ultimo l’agriturismo è dotato di una suggestiva cantina vinicola di mattoni rossi con soffitti a botte costruita tra il 1600 ed il 1800, dove è possibile degustare i vini Guido Rivella. Guido è un enologo eccelso, che dopo aver lavorato per decenni al fianco di Angelo Gaja, ha coronato il sogno di creare una propria azienda. Ad accompagnarvi nella visita della cantina e durante la degustazione sarà Enrico Rivella, l’eclettico figlio di Guido.

Icon Recensioni LE COSMOPOLITE Collection: top hotel da provare nel mondo.

Agriturismo Rivella a Barbaresco: recensione

Agriturismo Rivella

Luoghi da vedere assolutamente icon Barbaresco (Cuneo)

Hotel di lusso 4 stelle

Hotel: servizi 1 piscina e cantina vinicola

Booking.com

Hotel con piscina a Barbaresco

Quando si visitano le Langhe in estate avere un hotel con piscina è decisamente un plus non indifferente. Se cercate un hotel con piscina a Barbaresco gli indirizzi che fanno per voi, oltre il già citato Agriturismo Rivella, sono:

  • Casa Nicolini in Strada Nicolini Basso 34, un hotel 3 stelle in Località Tre Stelle a Barbaresco (prenota).
  • Villa San Domenico a Barbaresco in Via Nicolini Alto, una lussuosa dimora privata in località Pajoré a Barbaresco che ha aperto le porte al pubblico. (prenota).

Offerte hotel a Barbaresco e dintorni

Se ancora non avete trovato ciò che cercate dato un’occhiata alle offerte hotel a Barbaresco e dintorni nel box di seguito per trovare la sistemazione dei vostri sogni al miglior prezzo! 😉

Dove Mangiare a Barbaresco: i migliori ristoranti

Dove mangiare a Barbaresco? Be’, vi posso dire che non c’è posto in cui si mangi male e anche i più raffinati amanti della buona tavola qui non resteranno delusi! Se posso darvi un suggerimento provate, oltre a Koky wine bar in Piazza del Municipio 30 e Osteria TaStè in Strada Nicolini Alto 10, località Tre Stelle, di cui trovate tutte le informazioni nell’articolo dedicato ai ristoranti nelle Langhe, anche i ristoranti di Barbaresco della Guida Michelin che si sono meritati il piatto Michelin, che identifica i ristoranti con cucina di qualità:

  • Ristorante Antinè in via Torino 16, in pieno centro storico.
  • Campamac – Osteria Gourmet in strada della Valle 1.

Un altro ristorante che mi è molto caro è la Trattoria Antica Torre in Via Torino 64, che si trova proprio sotto alla Torre di Barbaresco. Il ristornate è stato aperto negli anni ’80 da Cinto Albarello, conosciuto come il “Re dei tajarìn“. Oggi la tradizione culinaria di famiglia viene portata avanti con altrettanta maestria dalle figlie di Cinto, Stefania e Paola.

Guida turistica, approfondimenti di viaggio ed articoli correlati icona Scopri i migliori ristoranti nelle Langhe.

Vino Barbaresco e degustazioni in cantina

Il famoso vino Barbaresco è un vino rosso a Denominazione d’Origine Controllata e Garantita – D.O.C.G., che viene prodotto solo in quattro comuni: Alba, nelle frazione di San Rocco, Seno d’Elvio nel lato destro del torrente, Barbaresco, Neive e Treiso. Il vino Barbaresco viene prodotto solo con uva Nebbiolo e deve essere invecchiato almeno 26 mesi, di cui 9 mesi in botte di rovere.

Come avrete capito il vino Barbaresco è una vera specialità locale e quindi fare una degustazione di Barbaresco se vi trovate in zona è più o meno un obbligo morale. Oltre all’enoteca in centro, agli agriturismi già citati, sono tantissime le cantine tra cui scegliere, avrete l’imbarazzo della scelta. 😉

Cosa vedere vicino a Barbaresco

Se trascorrerete un weekend a Barbaresco il mio suggerimento è di perlustrare anche la zona circostante. Non mancate di fare una passeggiata per Alba, di visitare Neive, Barolo, La Morra, Serralunga, compresi la sgargiante Cappella del Barolo e la cantina pop L’Astemia Pentita, ovviamente nel vostro itinerario non potrà mancare una delle Panchine Gigante delle Langhe. Se siete in vena di regalità, allungate un po’ il tragitto e raggiungete Stupinigi. Se invece volte visitare un’eccellenza artigianale italiana famosa in tutto il mondo prenotate una visita all’Arazzeria Scassa di Asti e poi non mancate di visitare anche questa splendida città.


Newsletter di LE COSMOPOLITE Viaggi - icona

Questo racconto di viaggio ti è piaciuto?

Iscriviti alle Newsletter di LE COSMOPOLITE.

Tutto quello che ami sapere direttamente nella tua mail.


Vacanze nelle Langhe: informazioni utili e link prenotazione

Non vedete l’ora di visitare il meraviglioso territorio Patrimonio UNESCO delle Langhe, Roero e Monferrato? Per pianificare il viaggio al meglio trovate di seguito la Guida delle Langhe di LE COSMOPOLITE e tanti link utili, che ho raccolto per voi, per aiutarvi ad organizzare le vacanze nelle Langhe in modo facile e veloce. Ai link potrete prenotare con un click, comodamente da casa vostra prima della partenza, auto, bus, treni, voli, transfer e hotel, tour privati e guidati della città, biglietti d’ingresso alle principali attrazioni delle Langhe, Roero e Monferrato ed esperienze di viaggio uniche.

Guida delle Langhe, Roero e Monferrato di LE COSMOPOLITE

Per organizzare il viaggio nelle Langhe, Roero e Monferrato vi consiglio di leggere la Guida delle Langhe, Roero e Monferrato di LE COSMOPOLITE, una raccolta di articoli in cui vi racconto la storia, le curiosità, tante informazioni utili e la mia esperienza di visita in tutti i luoghi che ho visito personalmente e che vi consiglio di non perdere durante una vacanza o un weekend nelle Langhe, Roero e Monferrato.

Cosa vedere nelle Langhe

Scopri l’itinerario nelle Langhe di LE COSMOPOLITE.

Itinerario ad Alba.

Itinerario a Barbaresco.

Itinerario a Barolo.

Visita la Cappella del Barolo.

Itinerario ad Asti.

Scopri la storica Arazzeria Scassa di Asti.

Scopri le panchine giganti delle Langhe.

Cosa vedere nei dintorni delle Langhe

Itinerario a Torino.

Visita la Reggia di Venaria Reale.

Visita il Castello della Mandria.

Visita la Palazzina di Caccia di Stupinigi.

Enogastronomia nelle Langhe

Scopri i migliori ristoranti nelle Langhe.

Visita la Fiera del Tartufo di Alba.

Scopri cos’è il Tartufo bianco d’Alba.

Visita la cantina L’Astemia Pentita a Barolo.

Scopri come prenotare un viaggio online fai da te e trovare i migliori viaggi organizzati.

LE COSMOPOLITE Collection: top hotel da provare nelle Langhe, Roero e Monferrato:

Hotel, B&B da provare nelle Langhe

Prenota un viaggio fai da te nelle Langhe

Scopri come prenotare un viaggio online fai da te.


Esperi di viaggio online di LE COSMOPOLITE Vaiggi: crea la tua vacanza su misura

Il tuo viaggio personalizzato

con LE COSMOPOLITE Viaggi

Prenotazione hotel online

Prenota il tuo hotel

in collaborazione con Booking.

Assicurazione di viaggio

Sottoscrivi un’assicurazione di viaggio

in collaborazione con Heymondo con SCONTO del 10% per i lettori di LE COSMOPOLITE.

Prenotazione tour, biglietti e attività online

Prenota biglietti, attività, tour ed esperienze

in collaborazione con Get Your Guide.

Prenotazione voli aerei online

Prenota un volo aereo

in collaborazione con Skyscanner.


Condividi l'articolo
Roberta Ferrazzi

Roberta Ferrazzi

Ciao, sono ROBERTA FERRAZZI, travel blogger fondatrice e manager di LeCosmopolite.it - il blog al femminile per donne viaggiatrici che stai leggendo ora - Consulente in Marketing e Comunicazione crossmediale, Marketing Coach e Content Creator. Arilicense di origine e milanese di adozione, vivo tra il Lago di Garda e Milano. Da sempre innamorata dei viaggi, non smetto mai di esplorare il mondo, scoprendo culture incredibili e luoghi mozzafiato. Adoro condividere le mie esperienze di viaggio ed itinerari attraverso il blog e spero di ispirarti a prendere la valigia e partire per avventure emozionanti anche in solitaria. In LE COSMOPOLITE ti parlo di piccolo e grandi avventure per il mondo, ma anche di come diventare travel blogger. Unendo il mio DNA del viaggiatore con la mia esperienza nel marketing crossmediale, ti spiego come trasformare la tua passione per i viaggi in una professione autentica e gratificante. Ricorda, ogni viaggio è un'opportunità per scoprire se stessi e il mondo che ci circonda. Preparati a partire e lasciati sorprendere dalle meraviglie che ti attendono!

Articoli: 358

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Questo contenuto è protetto. © Copyright 2017-2024 Roberta Ferrazzi - LeCosmopolite.it. All rights reserved.