fbpx

Museo della Scala: esposizione e visita al Teatro alla Scala di Milano del 1778

Il Museo della Scala è un luogo magico di Milano che vi permetterà di scoprire la storia e le curiosità non solo del Teatro alla Scala, uno dei maggiori punti di riferimento culturali d’Italia e del mondo, ma anche dell’opera lirica e del teatro in generale. Il Museo della Scala da accesso anche alla visita del Teatro alla Scala, del suo mirabile ridotto e dei suggestivi palchi. In questo articolo vi racconto del Teatro alla Scala e del suo museo, il percorso espositivo e come organizzare il tour.

Museo della Scala e Teatro alla Scala di Milano

Il Museo della Scala è il tempio della musica lirica di Milano. Questo museo spesso non viene inserito nella lista delle cose da vedere nel capoluogo lombardo ed invece, a mio giudizio, è uno dei migliori musei a Milano. Visitando il Museo della Scala vi sarà possibile anche visitare il Teatro alla Scala ed ammirare il suo splendido ridotto ed i palchi che si affacciano sulla famosa sala da concerti. Questi due luoghi iconici di Milano sono legati indissolubilmente e vi faranno vivere un’esperienza unica nella bellezza dell’arte. Vediamo allora insieme la storia del Teatro alla Scala ed il suo museo, il percorso di visita e come organizzare il tour.

Storia del Teatro alla Scala di Milano

Il Teatro alla Scala nasce nel 1778, con il nome di Teatro Grande alla Scala, per volere dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria. La notte del 25 febbraio 1776, in circostanze misteriose, un incendio distrusse il Teatro Regio Ducale e la città rimase senza il suo teatro, motivo per cui l’imperatrice incaricò subito l’architetto Giuseppe Piermarini di costruirne uno nuovo in muratura nell’area della fatiscente Chiesa di Santa Maria della Scala. La chiesa in stile gotico, da cui il Teatro prese il nome, era chiamata così in ricordo della sua fondatrice, Regina della Scala, della dinastia degli Scaligeri di Verona. L’odierna Piazza della Scala venne invece inaugurata nel 1858. Nel 1883, con l’arrivo dell’elettricità a Milano, il Teatro alla Scala fu il primo edificio pubblico a essere illuminato a giorno grazie soprattutto al grande lampadario centrale di 383 lampadine. Nella notte fra il 15 e il 16 agosto del 1943, il Teatro alla Scala fu pesantemente danneggiato dai bombardamenti alleati della Royal Air Force. L’11 maggio 1946, dopo una rapidissima ricostruzione, il Teatro alla Scala riapriva nel suo splendore originale con un memorabile concerto diretto da Arturo Toscanini ed un nuovo lampadario centrale, copia fedelissima dell’originale andato distrutto. Tra il 2002 e il 2004, la Scala affrontò il più profondo intervento di restauro e di modernizzazione dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ad opera di Mario Botta.

Angelo Inganni, la facciata del Teatro alla Scala nel 1852

Storia del Museo della Scala di Milano

Il 1° Maggio del 1911 l’antiquario Jules Sambon (1836-1921) mise all’asta la sua collezione di oggettistica teatrale per una somma di 450.000 lire. Alcuni degli uomini più influenti di Milano, tra cui il librettista e compositore Arrigo Boito, l’artista Lodovico Pogliaghi e il direttore della Pinacoteca di Brera Ettore Modigliani, desideravano fondare un museo legato al Teatro alla Scala e la collezione Sambon sembrava loro il punto di partenza perfetto per raggiungere l’obiettivo. Grazie a una colletta organizzata da 50 privati cittadini e all’aiuto dello Stato italiano, venne raggiunta la strabiliante somma richiesta da Sambon. Inaspettatamente Sabon rifiutò l’offerta a favore del milionario J.P. Morgan, uno degli uomini più ricchi e potenti del mondo dell’epoca, che voleva anch’egli acquistare la collezione. Alla fine Milano ebbe la meglio e poco meno di due anni dopo, nella sede dell’ex Casinò Ricordi, vene inaugurato il Museo della Scala.

Cosa vedere al Museo della Scala

Il Museo della Scala conserva una variegata collezione di opere legate al mondo dell’Opera Lirica e del teatro in generale. Dipinti, statue, bozzetti, oggetti di scena, lettere e pregevoli strumenti musicali fanno bella mostra di sé nelle meravigliose stanze del Casinò Ricordi.

Visita al Museo della Scala

Il percorso del Museo della Scala si divide nelle seguenti sezioni:

  • Teatro alla Scala, un tuffo nella storia di uno dei più famosi teatri al mondo.
  • Note dal Passato, che ospita quadri e strumenti d’epoca provenienti dalla collezione Sambon e il pianoforte Steinway & Sons appartenuto al compositore Franz Liszt.
  • La Commedia dell’Arte, con le opere dell’incisore Jacques Callot.
  • La sala dell’Esedra, dedicata al belcanto, con dipinti di Giuditta PastaIsabella ColbranMaria Malibran, le prime donne della stagione ottocentesca della Scala, e dei compositori RossiniBelliniDonizetti, oltre che i grandi protagonisti maschili del canto, come Nicola Tacchinardi, immortalato da Antonio Canova.
  • La Scala e Giuseppe Verdi, che al Teatro alla Scala debuttò con Oberto, conte di San Bonifacio, nel 1839 e presentò il Nabucco nel 1842.
  • Una nuova Scala, che racconta il periodo teatrale del 1800 e 1900 con personaggi del calibro di Arturo Toscanini, il direttore d’orchestra riformatore della Scala moderna, Eleonora Duse, protagonista inquieta del teatro italiano, Giacomo Puccini, l’uomo nuovo dell’opera italiana, che per la Scala scrive Edgar, Madama ButterflyTurandot. Per giungere infine a Maria Callas, voce indimenticabile ed icona del ‘900.
  • L’archivio e la biblioteca, ospita le memorie storiche della Scala, con le incisioni su disegni di Giuseppe Piermarini, il modello di terracotta di Giuseppe Franchi per il timpano della facciata, il manifesto originale del Nabucco di Verdi del 1842 e la Biblioteca “Livia Simoni”, una delle biblioteche più importanti nell’ambito teatrale, lirico e musicale della danza, che contiene – tra le altre – più di 150.000 volumi e trenta manoscritti di opere complete, fra cui la Messa da Requiem di Verdi e il Tancredi di Rossini, oltre che fogli sparsi di artisti come Beethoven e Mozart.

Visita al Teatro alla Scala: il ridotto ed i palchi

Come visitare il Teatro alla Scala di Milano? Acquistando il biglietto del Museo della Scala è possibile visitare anche il teatro annesso. Dopo la visita delle sale del Museo si accede infatti al ridotto, o per dirla alla francese il foyer della Scala, dove un tempo gli spettatori si dedicavano al gioco d’azzardo, Alessandro Manzoni compreso. Si passa poi alla visita dei palchi del Teatro alla Scala, che nel XVIII secolo appartenevano alle famiglie nobili e poi borghesi, che li potevano decorare e arredare secondo il proprio gusto, affittarli, venderli o lasciarli in eredità. Infine potrete dare un’occhiata anche ai retropalchi, dove un tempo ogni famiglia nobile teneva un cuoco, pronto ad assecondare ogni capriccio culinario e che – si narra – spesso venissero utilizzanti anche per vivere “momenti peccaminosi”.

Biglietti per il Museo della Scala

E’ possibile visitare il Museo della Scala ed il Teatro alla Scala autonomamente, comprando il biglietto d’ingresso, o con una visita guidata. Io ho fatto entrambe le esperienze e vi consiglio di partecipare ad una visita guidata, perché è il miglior modo per scoprire la storia e tutte le curiosità di questo tempio della musica lirica.

Biglietto d'ingresso - ticket icon Potete acquistare online il biglietto del Museo della Scala e al Teatro alla Scala di Milano con ingresso salta la fila al link.

Tour guidati di gruppo icon Potete prenotare una visita guidata al Museo della Scala e al teatro con biglietto ingresso prioritario al link.

Spettacoli Teatro alla Scala: i biglietti

Se dopo aver visitato il museo vi verrà voglia di partecipare ad uno degli spettacoli del Teatro alla Scala – e, credetemi, succederà – vi consiglio di guardare la programmazione e prenotare il biglietto online. La Scala conta ben 2015 posti a sedere e la seconda galleria appena sotto la volta, il famoso “loggione”, è il luogo del Teatro in cui l’acustica permette di sentire meglio i cantanti e l’orchestra.

Biglietto d'ingresso - ticket icon Potete acquistare il biglietto per gli spettacoli del Teatro alla Scala di Milano al link.

Prove durante la visita al Teatro alla Scala

Dove si trova il Teatro alla Scala di Milano ed il suo museo

Il Museo della Scala di Milano si trova di fronte a Piazza della Scala, mentre il Museo della Scala si trova subito affianco al Teatro, in Largo Antonio Ghiringhelli 1, a due passi da Galleria Vittorio Emanuele II, da Piazza del Duomo e dal Duomo di Milano.

Come arrivare al Teatro alla Scala

Il modo migliore per arrivare al Teatro alla Scala e al suo museo è con i mezzi pubblici. In particolare potete prendere:

  • Metro 1 – Fermate “Duomo” o “Cordusio”
  • Metro 3 – Fermata “Montenapoleone”
  • Tram 1 – Fermata “Teatro alla Scala”.

Hotel vicino al Teatro alla Scala di Milano

Dove dormire vicino al Teatro alla Scala? Sicuramente il centro storico è uno dei luoghi migliori dove soggiornare in città e la scelta di hotel vicino al Teatro alla Scala di Milano è davvero ampia.

Prenotazione hotel Potete prenotare il vostro hotel vicino alla Scala al link.

Per gli amanti del viaggi di lusso, ci sono ben 11 hotel 5 stelle vicino al Teatro alla Scala. In particolare vi segnalo i meravigliosi:

Infine, date un’occhiata anche alle offerte hotel a Milano nel box di seguito per trovare l’albero dei vostri sogni al miglior prezzo. 😉

Booking.com
Default image
Roberta Ferrazzi

Ciao! Sono Roberta Ferrazzi, travel blogger fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il blog dedicato alle donne viaggiatrici. Arilicense di origine, sono nata e cresciuta sulla sponda veneta del Lago di Garda, e milanese di adozione, sono una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale (Roberta Ferrazzi Communication). Il mio ufficio è il mio computer. Potrete trovarmi spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta mi conduca.
Amo l’arte, il design, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggio spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax.
Mi potete contattare a questo link! ;)

Articles: 283

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ItalianoEnglishDeutsch
error: Questo contenuto è protetto. © Copyright 2017-2022 Roberta Ferrazzi - LeCosmopolite.it. All rights reserved.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: