Duomo di Milano: la visita,  la storia e le curiosità

Duomo di Milano: la visita, la storia e le curiosità

Il Duomo di Milano è il simbolo indiscusso della città. I Milanesi hanno un rapporto intimo con il Duomo e la sua luccicante Madonnina, a prescindere dal fatto che siano religiosi o meno, perché quel seducente e maestoso edificio che troneggia in Piazza del Duomo è l’essenza stessa di Milano. Per la sua bellezza e il suo valore simbolico il Duomo è sicuramente al primo posto tra le cose da vedere a Milano. Scopriamo insieme la sua storia e le curiosità che nasconde!

Duomo di Milano

Renzo, salito per un di que’ valichi sul terreno più elevato vide quella gran macchina del Duomo sola sul piano, come se, non di mezzo a una città ma sorgesse in un deserto; e si fermò su due piedi, dimenticando tutti i suoi guai, a contemplare anche da lontano quell’ottava meraviglia di cui aveva tanto sentito parlare fin da bambino. –

I promessi sposi – Alessandro Manzoni
Il Duomo di Milano

Storia del Duomo di Milano

Il lavori del Dòmm de Milan o – per dirla tutta – Basilica Cattedrale Metropolitana della Natività della Beata Vergine Maria, iniziarono nel 1386 in un area già dedicata al culto.

La Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano

Nel 1387 il Duca di Milano Gian Galeazzo Visconti istituisce “La Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano” e impone un nuovo progetto edilizio, che annulla i lavori fin lì realizzati e mira alla creazione di un imponente Cattedrale, capace di rivaleggiare con quelle delle principali città europee. Dal mattone rosso tipico lombardo, si passa al cangiante marmo di Candoglia e per le forme architettoniche si fa riferimento allo stile tardo gotico.

In realtà cercare di incasellare il Duomo di Milano in uno stile architettonico ben preciso è al quanto difficile. I lavori di realizzazione sono andati avanti per secoli (gli ultimi ritocchi sono stati dati alla fine del 1800) e la direzione è passata di mano in mano ad una moltitudine di governati, architetti, ingegneri e progettisti Italiani ed Europei, che ci hanno tutti messo del loro. Possiamo quindi tranquillamente dire che il Duomo di Milano è unico nel suo genere.

L’altare fu consacrato due volte, nel 1418 e nel 1577, a lavori ancora in corso. La statua della Madonnina (Madonna Assunta) alta 4,16 metri, creata da Giuseppe Perego in rame dorato, è stata posta sulla guglia maggiore del nel 1774. La sua alabarda è un parafulmine camuffato. Arriviamo così al 1805, anno in cui Napoleone impone che i lavori vengano completati per la sua incoronazione a Re d’Italia, che avvenne il 26 maggio del 1805.
Dalla fine del 1800 la Veneranda Fabbrica del Duomo non si è mai fermata: è infatti costantemente impegnata nel restauro della Cattedrale.

Adesso vi sarà chiaro il perché del detto popolare “lungo come la fabbrica del Duomo”, che indica un lavoro interminabile o una persona che ci mette una vita a fare una cosa. 😉

Duomo di Milano interno

Dimensioni

Diamo un po’ di numeri…Il Duomo di Milano è la chiesa più grande d’Italia e la quarta al mondo per dimensione. L’altezza del Duomo è di 180,50 metri, la larghezza è 903 e la lunghezza 158,50.

Pianta del Duomo di Milano

La pianta è a croce e l’interno del Duomo di Milano è diviso in cinque navate lungo le quali si trovano le 52 colonne che sorreggono le volte.

L’organo

Il suo organo conta circa 16.000 canne, ed è – pure lui – uno dei più grandi organi del mondo.

Le reliquie: il Sacro Chiodo

Tra le reliquie custodite nel Duomo di Milano, la più importante custodita nel Duomo di Milano è il “Sacro Chiodo”, ossia uno dei chiodi della Vera Croce. E’ sospeso sopra l’altare maggiore, appeso alla chiave di volta, ed è illuminato da una luce rossa per renderlo visibile ai fedeli.

Interno del Duomo di Milano

La Madonnina di Milano

Per tradizione prima e per legge poi, si decise che nessun edificio in città potesse elevarsi più in alto della Madonnina del Duomo di Milano. Per questo motivo la Torre Velasca e la Torre Branca di Gio Ponti non superano 108 metri di altezza del Duomo.

In realtà ad oggi Milano vanta una skyline di tutto rispetto, ma in un certo senso l’antica direttiva non è stata tradita. Una copia della statua della Madonnina viene di volta in volta spostata sul tetto dell’edificio più alto della città: un gesto che, pur superandola nei fatti, strizza l’occhio alla tradizione meneghina!

Visitare il Duomo di Milano

Come entrare al Duomo di Milano

Se avete tempo non limitatevi a guardare il Duomo di Milano da fuori, ma visitate anche il suo interno. Per entrare al Duomo di Milano ci sono due file, a sinistra quella per i fedeli e a destra quella per i turisti. Non fatevi intimorire dalla lunghezza della coda, perché scorre velocemente. L’ingresso alla Cattedrale è gratuito. Ricordate che dovrete sottoporvi ad un controllo delle borse e dovrete avere un abbigliamento consono ad un luogo di culto.

Duomo di Milano terrazze

Una cosa da fare assolutamente a Milano è la visita alle terrazze del Duomo. Per salire sul Duomo di Milano potrete scegliere di andare a piedi o in ascensore fino a raggiungere il tetto del duomo e godervi il panorama a 360 gradi della città, proprio sotto alla statua della Madonnina.

I biglietti

Come abbiamo già detto l’ingresso al Duomo di Milano non si paga. Bisogna invece acquistare i biglietti per visitare le terrazze del Duomo di Milano. Li potete trovare in vendita online a questo link.

Se avete più tempo a disposizione potete decidere di acquistare anche il biglietto che vi da accesso al Duomo e alle Terrazze, al Museo del Duomo e alla chiesa di San Gottardo in Corte.

Come arrivare al Duomo di Milano

Il Duomo si trova in Piazza del Duomo, nel cuore della città. La zona è servitissima dai mezzi di trasporto pubblici ed in sharing. Ovviamente potete raggiungere il centro anche in auto, ma è un’opzione che vi sconsiglio vivamente.

Come arrivare al Duomo di Milano dalla Stazione Centrale

Se vi state chiedendo come arrivare al Duomo di Milano dalla Stazione Centrale, dovete sapere che il modo più semplice è in metropolitana, con la M3 – linea gialla direzione San Donato con fermata Duomo. Nei pressi della Stazione Centrale potrete trovare anche il tram n.1, che vi porterà in Duomo. Altrimenti potrete scegliere di prendere un taxi, una bicicletta in sharing o ancora, ed è l’opzione che vi consiglio, andando a piedi. Il percorso è di 2,8 Km e la passeggiata è davvero gradevole. 😉

In metropolitana

Oltre alla già citata M1 – linea gialla, in Duomo passa anche la metropolitana M3 – linea rossa, sempre con fermata Duomo. Quest’ultima passa anche dalla stazione di Cadorna.

Raggiungere il Duomo di Milano coi mezzi pubblici: i tram

Ci sono diversi tram che vanno a piazza Duomo, ed in particolare le seguenti linee:

  • il tram 15 con fermata di Piazza Fontana
  • i tram 2 e 14 con fermata di Via Torino angolo Piazza del Duomo.
  • i tram 16, 24 e 27 con fermata di Via Mazzini, vicino a Piazza del Duomo.
  • il tram 1, con fermata Cordusio, a pochi passi dal Duomo.

In bicicletta

Milano si è dotata negli ultimi anni di un’ottimo servizio di bike sharing. La città è costellata di stazioni di prelevamento e rilascio delle biciclette BikeMi. In alternativa potete scegliere le biciclette senza postazioni fisse offerto da Mobike e Ofo. Fate attenzione però, perchè se è vero che il servizio di biciclette è capillare, purtroppo Milano non ha ancora delle piste ciclabili sicure ed adeguate, soprattutto nel centro storico in cui il pavé spesso sconnesso, sommato ai binari del tram, può tirare davvero brutti scherzi!

Hotel vicino al Duomo di Milano

Potrete trovare moltissimi hotel vicino al Duomo di Milano, ma anche appartamenti, B&B ed altre soluzioni per il soggiorno in città. Vi avevo già suggerito degli hotel nella vicina Galleria Vittorio Emanuele II al link. Nella mappa qui sotto potrete trovare tante altre sistemazioni! 😉

Booking.com

Curiosità del Duomo

Avete presente il modo di dire “…a uffa” (il Milanese “Andà a óff”) che si usa per spiegare di aver approfittato (scroccato) di qualcosa gratuitamente? Pare derivare dalla dicitura Ad usum fabricae, che nel Medioevo contrassegnava i beni esentati da ogni dazio, come i mattoni destinati alla realizzazione delle Cattedrali. La sigla per Milano era, in particolare, Ad U.F.A. (Ad Usum Fabricae Ambrosianae). Al tempo qualche furbacchione contraffaceva la sigla per non pagare quanto dovuto…e molti credono che proprio da questo derivi il modo di dire ancora in auge.

Roberta Ferrazzi

Roberta Ferrazzi, travel blogger veronese fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il salotto dedicato alle donne viaggiatrici, è una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale e forte competenza nel campo della moda, gioielleria, orologeria, design e luxury event. Nel 2017 ha fondato la PR & Digital boutique Roberta Ferrazzi Communication. Oggi progetta e realizza strategie di comunicazione digitali e offline per promuovere con profitto aziende e professionisti. Il suo ufficio è il suo computer. La potrete trovare spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta la conduca. Ama il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggia spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per contattarla

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.