You are currently viewing Fugasì: la ricetta del dolce della cucina tradizionale mantovana

Fugasì: la ricetta del dolce della cucina tradizionale mantovana

Fugasì. Questo nome a molti di voi non dice nulla, ma chi vive nei territori della provincia di Mantova, nell’entroterra gardesano, sa che si tratta di un dolce – non dolce della tradizione, buono da solo, gustoso con le marmellate, sfizioso con formaggi e salumi. Vi ho fatto venire voglia di preparare questo dolce tipico mantovano? Bene! Ecco a voi la ricetta originale. 🙂

Fugasì

Ho assaggiato il Fugasì durante il press tour organizzato dal Touring Club Italiano alla scoperta dei borghi Bandiere Arancioni di Castellaro Lagusello, Solferino e Sabbioneta.

Castellaro Lagusello Torre dell'Orologio

In ognuna di queste incantevoli cittadine abbiamo degustato le prelibatezze del luogo, tra cui – appunto – anche il Fugasì, un pane dolce, senza lievito, della cucina povera, detto anche il “dolce della nonna”, perché si dice venisse preparato delle anziane della famiglia.

Ricetta

La ricetta del fugasì è molto facile da eseguire. Io l’ho avuta dalla signora Antonella, proprietaria e direttrice de Le Quattro Stagioni B&B and Apartament a Castellaro Lagusello, borgo UNESCO frazione di Monzambano. Antonella è solita preparare per i suoi ospiti delle collazioni da leccarsi i baffi e tra le proposte culinarie ci sono anche i dolci Sbrisolona (buonissima, la ricetta al link!) e il fugasì.

Colazione a Castellaro Lagusello

Ingredienti

Di seguito gli ingredienti che vi dovrete procurare per preparare la ricetta tipica del dolce fugasì:

  • 500 gr farina
  • 60 gr di strutto (o burro)
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 1  bicchiere di latte
  • 1/2 bustina lievito
  • vino bianco q.b
  • un pizzico di sale

Preparazione

Lavorate tutti gli ingredienti insieme, dopodiché stendete con il mattarello l’impasto a forma di focaccia. Cuocete sulla graticola della stufa fino a quando l’impasto non si colora, diventando croccantino fuori e morbido all’interno.

Come servirlo

Tradizionalmente il fugasì si può mangiare da solo, con confetture e marmellate oppure abbinato a salumi e formaggi e accompagnato da un buon bicchiere di vino locale! Vi assicuro che la combinazione dolce – salato è vincente e conquisterà il vostro palato! 😉

Siete pigri e non avete voglia di mettere le mani in pasta? Andate a visitare Monzambano e il borgo di Castellaro Lagusello e assaggiate il fugasì direttamente nella sua terra d’origine, lo troverete ad ogni passo! 😉

Roberta Ferrazzi

Ciao! Sono Roberta Ferrazzi, travel blogger fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il blog dedicato alle donne viaggiatrici. Arilicense di origine, sono nata e cresciuta sulla sponda veneta del Lago di Garda, e milanese di adozione, sono una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale (Roberta Ferrazzi Communication). Il mio ufficio è il mio computer. Potrete trovarmi spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta mi conduca. Amo l’arte, il design, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggio spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Mi potete contattare a questo link! ;)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.