fbpx

Asiago: in gita sull’Altopiano dei Sette Comuni

Asiago veduta al tramonto

Asiago, nell’Altopiano dei Sette Comuni, è un vero incanto. Un luogo dove natura, storie di montagna, visite “spaziali”, sport, benessere e gustose degustazioni si fondono nei magici colori delle quattro stagioni. La meta ideale per chi ama un turismo lento e responsabile, in una città che, con il progetto “Futourist”, guarda al futuro incentivando un turismo CO2-free.

Asiago

Camminare al tramonto immersi nel verde, in un saliscendi di morbide colline, tutto attorno solo il profumo dell’erba, il suono dei propri passi, lo scampanellio lontano dei campanacci delle mucche. La magia del silenzio. Momenti così rari e preziosi, quelli in cui possiamo passeggiare con noi stessi, immersi nella quiete della natura.

Questo è stato il mio primo dolcissimo impatto con l’Altopiano di Asiago, dove sono stata invitata a prendere parte ad un press trip organizzato dall’Ufficio del Turismo di Asiago, alla scoperta di una città che guarda al futuro. Asigo è, infatti, ufficialmente parte del progetto Futourist, un programma di cooperazione transfrontaliero Interreg Italia-Austria, applicato a località alpine, che mira a promuovere un tipo di turismo responsabile, che si traduce in un’esperienza di viaggio emozionale e tematica, che va di pari passo con l’educazione ambientale, la cura e la conservazione della natura.

Inutile dire che è stata una esperienza bellissima e che ho scoperto un luogo perfetto dove staccare la spina e godere della compagni di se stessi in una natura meravigliosa…il tutto in maniera molto slow! 😉

Cosa vedere ad Asiago

Asiago è una città piccola, ma una nota località per il turismo estivo ed invernale. Per gli amanti dello sport c’è di tutto e di più: dall’escursionismo, ai percorsi in mountain bike o a cavallo, fino ad arrivare allo sci nordico e alle ciaspolate o al golf! Ma anche chi ama una vita più tranquilla troverà come svagarsi sull’Altopiano. Si va da bellissimi centri benessere, musei, passando per l’osservazione delle stelle, fino ad arrivare a degustazioni di prodotti tipici.

Se volete dare una sbirciatina prima di partire vi potete collegare alle Webcam live di Asiago al link.

Il centro storico

Prima tappa di una visita ad Asiago è il suo grazioso centro storico. Gli highlight da non perdere sono:

  • il Municipio, in Piazza II Risorgimento.
  • la Chiesa di San Matteo Apostolo ed Evangelista, con il suo magnifico campanile in Piazza Carli.
  • la deliziosa Fontana del Fauno del 1928, sempre in Piazza Carli.

Sacrario militare di Asiago

Il Sacrario di Asiago sul colle del Leiten è sicuramente una delle cose da vedere se si visita l’Altopiano. Ultimato nel 1936, è uno dei più importanti ossari militari della Grande Guerra e raccoglie le salme di oltre 55.000 soldati Italiani e Austro-ungarici, di cui moltissimi ignoti. All’interno dell’Ossario è possibile visitare anche un museo che accoglie cimeli, residuati bellici e documenti fotografici dell’epoca.

Si arriva al Sacrario a piedi dal centro, seguendo Viale della Vittoria, che riporta lungo il cammino frasi celebri e racconti di guerra. Leggeteli, nel silenzio.

Il Sacrario chiude verso le 17.00, tenetene conto quando organizzerete la vostra gita. 😉

Museo Naturalistico Didattico “Patrizio Rigoni”

In Viale della Vittoria troverete anche il Museo Naturalistico Didattico “Patrizio Rigoni”. Il museo è stato inaugurato nel 1999 grazie all’impegno e alle donazioni di Patrizio Rigoni, maestro elementare e profondo conoscitore del territorio e della natura dei 7 Comuni. Il museo è piccolo, ma grazie ai suoi diorami potrete imparare molto sul territorio che state visitando. Il mio consiglio è di visitare il museo appena arrivati. Le spiegazioni delle guide, esperte e preparatissime, vi permetteranno di apprezzare ancor più la natura dell’Altopiano e le sue peculiarità, come la piccola salamandra e le regali aquile reali.

Tempesta di Vaia

Nel museo vi sarà anche possibile approfondire le tematiche legate alla terribile tempesta Vaia, che nell’Ottobre 2018 ha provocato la distruzione di decine di migliaia di ettari di foreste alpine, devastazione che potrete vedere a occhio nudo anche dal centro di Asiago.

Museo delle Carceri

Se siete in vena di mostre, il luogo da non perdere ad Asiago è il suggestivo Museo delle Carceri, ricavato nelle vecchie prigioni di Asiago. Il percorso museale vi porterà anche all’interno di vere e proprie celle, oggi divenute sale espositive.

Osservatorio Astronomico di Asiago

Una cosa da fare assolutamente ad Asiago, e uno dei nuovi 5 itinerari in città promossi con il programma Futourist, è prenotare una visita presso l’Ufficio del Turismo locale all’Osservatorio Astronomico di Asiago in località Pennar, poco distante dal centro. Un luogo da record, che assieme alla sede staccata di cima Ekar, costituisce il più grosso centro osservativo di Astronomia ottica in Italia.

MUSA, Museo degli Strumenti dell’Astronomia

Il MUSA, Museo degli Strumenti dell’Astronomia di Asiago si trova sempre in località Pennar e conserva al suo interno la bellissima strumentazione utilizzata tra gli anni ’40 e ’60 del secolo scorso dagli astronomi e studiosi.

Forte Interrotto

Forte Interrotto è una caserma ottocentesca che si trova sopra l’abitato di Camporovere e che divenne una vera fortezza durante la Grande Guerra. Lo vedrete già dal centro di Asiago e finirete per farne una tappa obbligatoria del vostro viaggio sull’Altopiano.

Cosa fare ad Asiago

Cosa fare ad Asiago? La verità è che c’è solo l’imbarazzo della scelta! Vediamo insieme qualche alternativa interessante 🙂

Palazzo del ghiaccio

Il Pala Hodegart, questo il nome cimbro del Palazzo del ghiaccio di Asiago in Via Stazione, è uno dei simboli dell’Altopiano, nonché uno tra i più caratteristici impianti italiani. Con una capienza di 1.975 posti a sedere è un vero e proprio paradiso per gli amanti dell’hockey su ghiaccio, del pattinaggio artistico, velocità e short track. Date un’occhiata agli orari ed eventi, se volete passare qualche ora a volteggiare sul ghiaccio! 😉

Sci nordico

Con i suoi oltre 500 Km di pista per lo sci nordico l’Altopiano di Asiago è decisamente “the place to be” per gli amanti della disciplina. Non solo sport e natura, ma anche un’immersione in itinerari dal valore storico – culturale. Ovviamente c’è spazio anche per le ciaspole!

Escursionismo

Scendete dal letto, uscite dal vostro albergo e iniziate a camminare. I percorsi sono tantissimi e per tutti i livelli. Potete vedere l’elenco dei sentieri CAI a questo link e dare un’occhiata anche agli itinerari proposti sul sito di Asiago.

Io ho seguito, con una guida alpina, il percorso “Le foreste del Barenthal“. Lungo il cammino ho incontrato:

  • gli Scogli delle Ave
  • il Lazzaretto
  • la Chiesetta di San Sisto
  • gli Ospedaletti
  • il cimitero del Barenthal

Sono tutti luoghi ricchissimi di storia e per questo il suggerimento che vi do è di prendere una guida alpina, non tanto perché il percorso non sia fattibile da soli, ma perché senza qualcuno che vi indichi gli indelebili segni della storia e della cultura di questi luoghi, vi perdereste davvero tanto in termini di conoscenza del territorio. Il mio percorso è stato magico grazie alla presenza di Giancarlo, che mi ha trasmesso il sapere ed il sentire di chi questi luoghi li vive da sempre.

Inoltre vi segnalo il percorso di Calà del Sasso, un must per chi visita la zona. 4.444 gradini, che collegano la frazione Valstagna del comune di Valbrenta, alla frazione Sasso di Asiago. Calà del Sasso è la scalinata più lunga d’Italia di cui vi ho già raccontato la storia e le curiosità al link. 😉

Hotel Wellness & Spa

Se quello che cercate è puro relax, magari in un weekend in solitaria, vi segnalo degli hotel ad Asiago dove troverete tutto ciò che più desiderate, comprese delle bellissime Spa e giardini per fare colazione all’aperto:

  • Meltar Boutique Hotel, situato all’interno dell’Asiago Golf Club, è ospitato in una storica proprietà ottocentesca ristrutturata, che offre un centro benessere di 1.000 mq ad uso gratuito e un meraviglioso giardino.
  • Linta Hotel Wellness & Spa , poco lontano dall’Osservatorio, ha un delizio centro benessere con piscina coperta.
  • Relax Hotel Erica, con un centro benessere di 400 mq.

Tra gli Hotel vi segnalo anche l’Hotel Croce Bianca: ha due passi dal Municipio vi imbatterete in una bellissima palazzina bianca dall’ architettura Liberty. L’hotel fu ricostruito nel 1920 ed è oggi classificato “Residenza d’Epoca”, non ha la Spa, ma i suoi saloni ed elementi decorativi originali sono sicura vi conquisteranno! Abbinate una cena a La Locanda in Via Monte Val Bella, 31, ed il gioco è fatto! 🙂

Booking.com

Asiago eventi

Se state pensando di visitare Asiago date un’occhiata anche al fitto calendario degli eventi che animano la città. Tra gli eventi di Asiago ve ne posso segnalare in particolare quattro :

  • Grande Rogazione. Si tratta di un rito antico e suggestivo, una processione religiosa lungo un cammino che si snoda per ben 33 km nel territorio parrocchiale attraverso pascoli e sentieri. Si tiene il sabato precedente la domenica d’Ascensione. Fate attenzione però, non è un evento turistico, ma un momento molto caro ai locali a cui tutti possono unirsi, nel rispetto della celebrazione e della comunità.
  • Made in Malga, l’evento nazionale di formaggi di montagna, dove avrete la possibilità di fare degustazioni anche del mio amato formaggio Asiago! (Settembre)
  • Asiago Foliage, la manifestazione dedicata ai colori, profumi e sapori dell’Altopiano in autunno. (Ottobre)
  • Giardini di Natale ad Asiago, il celebre mercatino natalizio dell’Altopiano. (Dicembre)

Come arrivare

Questo è un po’ un tasto dolente per chi come me ama muoversi con i mezzi di trasporto pubblici. Asiago si raggiunge comodamente in auto, meno comodamente con altri mezzi.

In treno

Asiago non è raggiungibile in treno. Le stazioni più vicine sono quelle di Vicenza , Bassano del Grappa, Thiene e Padova. Giunti qui dovrete prendere un autobus (consultare i siti FTV da Vicenza, Bassano, Thiene e SITA da Padova) o un taxi. Una corsa in taxi da Vicenza costa circa 80€.

Roberta Ferrazzi
Ciao! Sono Roberta, benvenuta nel mio Travel Blog! Le Cosmopolite è un blog dedicato alle donne viaggiatrici come me 😀 (ma anche i maschietti potranno trovare tanti suggerimenti! 😉 ). Sono una consulente di comunicazione online e off line (Shake your S communication), una blogger e content creator con base tra Milano e il Lago di Garda e la valigia sempre in mano. Amo il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggio spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per qualsiasi domanda in merito ai miei articoli o per collaborare con me, contattami!
http://www.shakeyour-s.com

Similar Articles

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top