fbpx

Cosa vedere a Fontanellato in 1 giorno: Rocca di Sanvitale e Labirinto della Masone

Fontanellato è un tesoro dell’Emilia-Romagna tutto da scoprire. Annoverato tra i borghi Bandiera Arancione del TCI, questa incantevole cittadina è famosa in particolare per due attrattive da non perdere: l’antica Rocca di Sanvitale, parte del Circuito Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, e il Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci, uno dei più grandi labirinti di bambù al mondo. Tra storia millenaria e creatività contemporanea, Fontanellato offre un concentrato di emozioni e scoperte, invitando il visitatore a immergersi nelle sue atmosfere uniche. In questo articolo vi racconto cosa vedere a Fontanellato in 1 giorno, la storia e le curiosità dei punti di interesse della città, le esperienze enogastronomiche da vivere e condivido con voi tante informazioni utili per organizzare la vostra gita. Preparatevi a vivere una giornata indimenticabile, ricca di cultura, arte e sorprese, mentre esplorate le bellezze senza tempo di questa incantevole Città d’Arte e Cultura.

Cosa vedere a Fontanellato

Benvenuti a Fontanellato, borgo medievale gioiello dell’Emilia-Romagna dalla storia affascinante e meraviglie artistiche ed architettoniche tutte da scoprire. In questa guida dedicata a cosa vedere a Fontanellato in un giorno, esploreremo i luoghi più caratteristici di questa cittadina Bandiera Arancione TCI, dove spiccano per importanza la maestosa Rocca di Sanvitale e il suggestivo Labirinto della Masone. Da antiche fortezze cariche di storie avvincenti a paesaggi labirintici avvolti in un’atmosfera magica, Fontanellato offre un viaggio indimenticabile attraverso il passato e il presente. Scopriamo insieme cosa rende unica questa destinazione, perché sceglierla per un giorno ricco di scoperte ed emozioni e come organizzare la visita a Fontanellato al meglio.

Labirinto della Masone a Fontanellato, Parma.
Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci

Dove si trova Fontanellato

Fontanellato è un piccolo comune in provincia di Parma, in Emilia- Romagna. E’ situato proprio nel cuore della Pianura Padana e dista circa 25 km dalla città di Parma.

Visitare Fontanellato in 1 giorno

Fontanellato è una cittadina italiana del nord Italia perfettamente per trascorrere una giornata fuoriporta seguendo un piacevole itinerario culturale ed enogastronomico. Se deciderete di visitare Fontanellato in 1 giorno le tappe da non perdere sono due:

  • il borgo Bandiera Arancione di Fontanellato con la famosa Rocca Sanvitale.
  • il Labirinto della Masone ed il suo museo, la cittadella culturale fondata da Franco Maria Ricci.

Ovviamente tra una visita e l’altra non potrà mancare una pausa enogastronomica, per un viaggio nei sapori dei piatti tipici dell’Emilia – Romagna. 😉

Borgo di Fontanellato, la Bandiera Arancione

Cosa vedere a Fontanellato? Be’ iniziamo con il dire che tutto il borgo di Fontanellato è una meraviglia e ritagliarsi il tempo per una passeggiata tra le sue vie è d’obbligo. Non a caso la cittadina parmense, che è parte e sede del Circuito Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, è stata insignita del riconoscimento:

  • Bandiera Arancione. assegnato dal Touring Club Italiano,
  • Città d’Arte e Cultura, la denominazione che l’Unione Europea riconosce anche ai piccoli centri che rivestono una importanza storica e culturale riconosciuta dall’UNESCO quale Patrimonio dell’Umanità.

Rocca di Fontanellato

La Rocca Sanvitale di Fontanellato è l’attrazione principale della città. Ubicata nel cuore del centro storico, in Piazza Giacomo Matteotti 1, la Rocca di Fontanellato si caratterizza per il fatto di essere circondata da un ampio fossato d’acqua, che rende la sua vista davvero pittoresca. Dalla fine degli anni ’90 la rocca è stata aperta al pubblico come casa museo ed è oggi possibile partecipare a visite guidate per scoprirne tutti i tesori, che potrete prenotare contattando il museo.

Storia della Rocca di Fontanellato

La storia della Rocca di Fontanellato si lega a quella della famiglia dei Pallavicino. Essi sono annoverati tra le maggiori e più antiche casate feudali dell’Italia Settentrionale. Il loro potere si estendeva nella zona tra Cremona, Parma e Piacenza, dove instaurarono il così detto Stato Pallavicino, che restò indipendente fino alla sottomissione da parte dei Farnese di Parma e Piacenza. Nel 1124 i Pallavicino eressero a Fontanellato la prima torre a scopo difensivo. La cinta esterna della Rocca, invece, fu costruita a partire dal torrione quadrato settentrionale, probabilmente dopo il 1386, ad opera dei Sanvitale, che nel 1378 ricevettero come beneficio il territorio di Fontanellato da parte di Gian Galeazzo Visconti (1351 – 1402), primo Duca di Milano. La famiglia filoguelfa dei Sanvitale infatti, arrivò ad avere ruoli importanti in diverse città del settentrione e si divise in tre rami principali, quello di Sala e Colorno, il ramo di Fontanellato e il ramo di Parma. Il completamento della struttura della Rocca di Sanvitale avvenne nel 1500, con la costruzione e l’adattamento del primo piano a scopo residenziale. Questo intervento segnò il preludio ad una trasformazione definitiva della Rocca, passando da fortezza difensiva a maniero. Dovete considerare che i Sanvitale mantennero il controllo del territorio di Fontanellato fino alla soppressione dei feudi, avvenuta nel parmense in periodo napoleonico. Tuttavia, il legame tra i Sanvitale e Fontanellato non si interruppe a causa di questa transizione storica. La famiglia Sanvitale rimase infatti presente ed attiva nella regione fino al 1948, quando l’ultimo conte Giovanni, deceduto nel 1951, cedette la Rocca al Comune. Quest’ultimo si assunse l’onere della gestione della Rocca, garantendo così la continuità della sua importanza storica e culturale. Non deve quindi stupire che la struttura della Rocca di Fontanellato, nel corso dei secoli, abbia subito diversi interventi, i cui segni sono ancora ben visibili soprattutto sulla facciata. Tra gli elementi che attirano l’attenzione, spicca un imponente orologio del 1600, commissionato da Alessandro Sanvitale. Inoltre, la facciata presenta diverse finestre arricchite da balconcini in ferro battuto risalenti al 1700, che aggiungono ulteriore fascino al carattere architettonico della struttura.

Cosa vedere nella Rocca di Fontanellato

Cosa vedere nella Rocca di Fontanellato? Quello che vi aspetta è un’immersione in una vita d’altri tempi tra oggetti quotidiani, opere d’arte e arredi unici.

Appartamento nobile della Rocca di San Vitale

La visita guidata della Rocca di Fontanellato vi permetterà di passeggiare tra le antiche stanze dell’appartamento nobile posto al primo piano del maniero. Attraversando la Sala delle Armi, la Sala da Pranzo, la Sala del Biliardo, la Sala da Ricevimento, la Camera Nuziale, la Galleria degli Antenati, la Sala delle Donne Equilibriste, la Sala del Teatrino dei figli di Maria Luigia d’Austria (1791 – 1847) – moglie di Napoleone I prima e Duchessa regnante di Parma Piacenza e Guastalla poi – la Sala delle Mappe e la Saletta di Diana e Atteone, avrete modo di ammirare opere d’arte, arredi e decorazioni risalenti ai secoli compresi tra il 1500 e il 1800.

Saletta di Diana e Atteone del Parmigianino

Il tesoro più prezioso all’interno della Rocca, annoverato nella lista del cosa vedere a Fontanellato, è indubbiamente la “Saletta di Diana e Atteone,” un affresco realizzato da Francesco Mazzola, noto come Parmigianino (1503 – 1540). L’affresco nella Saletta di Diana e Atteone del Parmigianino venne commissionato all’artista nel 1523 dal conte Galeazzo Sanvitale e da sua moglie, Paola Gonzaga di Sabbioneta. nobildonna di cultura, che fece della Rocca di Sanvitale un rinomato centro artistico dell’epoca. L’opera viene oggi annoverata tra i capolavori giovanili del Parmigianino. La volta della sala è decorata con putti che si stagliano sullo sfondo di un fitto pergolato, con un ampio squarcio di cielo al centro e uno specchio rotondo che reca l’avvertimento “respice finem”. Nelle quattordici lunette sottostanti, è raffigurato il mito di Diana e Atteone, tratto da Le Metamorfosi di Ovidio. Nel corso degli ultimi decenni, diverse interpretazioni sono state proposte per la Saletta, ma l’ipotesi più accreditata suggerisce che fosse una sorta di piccolo “boudoir” o “studiolo” privato di Paola Gonzaga, la quale è raffigurata nella figura femminile sopra la finestra.

Camera Ottica della Rocca di Fontanellato

La visita guidata della Rocca di Fontanellato termina nei giardini pensili del maniero, dove è possibile vedere la Camera Ottica del 1800, una cosa vedere a Fontanellato. La Camera Ottica non costituiva un artificio creato dai nobili Sanvitale con l’intento di sorvegliare i propri sudditi, bensì si trattava di un gioco di società sviluppato alla fine dell’Ottocento. Questo divertimento racchiudeva le suggestioni del pensiero positivistico e gli avanzamenti scientifici, ideologia particolarmente cara a molti membri della dinastia fontanellatese. Entrando nel piccolo angolo di avvistamento posto nel torrione sul fossato della Rocca di Fontanellato, potrete sperimentare in prima persona, oggi come allora, il sistema di specchi riflette l’immagine della piazza antistante su uno schermo. Una curiosità, la camera ottica di Fontanellato è immortalata in una sequenza del film “Prima della rivoluzione” (1964) del regista Bernardo Bertolucci.

Fantasma della Rocca di Fontanellato

Si dice che taluni, passeggiando nel maniero medievale si imbattano nel fantasma della Rocca di Fontanellato, ossia nella fantasmatica presenza della piccola Maria Costanza Sanvitale (1836 – 1842), nipotina di Maria Luigia d’Austria, la quale morì all’età di soli cinque anni e mezzo. Pare infatti che talvolta appaia nel castello una bambina dai lunghi capelli neri e vestita di bianco. Ma non preoccupatevi, chi l’ha incontrata ne parla come un fantasma buono. 😉

Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario a Fontanellato

 Il Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario, in Via IV Novembre 19, è un luogo di culto da annoverare nella lista del cosa vedere a Fontanellato. Eretto al di fuori del centro storico, il Santuario ha le sue radici in un preesistente oratorio dedicato a San Giuseppe nel 1397. Questo oratorio fu donato dai frati Domenicani al Marchese Galeotto Lupi di Soragna, su invito di Veronica da Correggio, vedova di Giacomo Antonio Sanvitale. La comunità domenicana fu chiamata a Fontanellato per assistere la popolazione del borgo. La prima struttura del santuario fu costruita nel 1514. Dopo il saccheggio del 1531 e la demolizione del 1543, il tempio e il monastero furono ricostruiti e dedicati a San Giuseppe. Solo dopo il Concilio di Trento fu promosso il culto della Madonna con il titolo di “Regina del Santo Rosario”, attirando ancora oggi numerosi pellegrini. La facciata attuale, realizzata secondo il progetto di Lamberto Cusani nel 1912-13, è un’opera dello scultore Ettore Ximenes, che ha recuperato anche le statue risalenti al 1700 che adornano la facciata. Un connubio di storia e arte che caratterizza questo luogo di devozione, testimone della sua evoluzione nel corso dei secoli.

Mercatino dell’Antiquariato di Fontanellato

Il Mercatino dell’Antiquariato è un’altra cosa da vedere a Fontanellato. Nato nel 1986, il Mercatino dell’Antiquariato di Fontanellato è una vera istituzione e fa parte del circuito delle mostre-mercato d’antiquariato di qualità a livello nazionale. Questo evento, che vanta una selezione di circa 150 espositori provenienti da tutta Italia, si snoda attorno alla Rocca di San Vitale ogni terza domenica del mese. Gli amanti del genere, potranno trovare un’ampia varietà di pezzi pregiati da collezione, rarità d’epoca, antichità certificate, oggetti vintage, retrò e modernariato. Di certo, un evento da non perdere a Fontanellato. 😉

Labirinto della Masone

Dopo aver visitato il borgo medievale Bandiera Arancione di Fontanellato e la pittoresca Rocca di Sanvitale, è tempo di spostarsi a pochi chilometri dal centro storico della città, per un’esperienza immersiva nella mirabile cittadella culturale di Franco Maria Ricci (1937 – 2020), grafico, editore e designer italiano. Sto parlando del famoso Labirinto della Masone, una cosa da vedere a Fontanellato assolutamente. L’incontro del 1977 tra Franco Maria Ricci ed il talentuoso scrittore argentino Jorge Luis Borges, da sempre legato a doppio filo con il labirinto e la sua simbologia, basti pensare al labirinto Borges sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, fa nascere in Ricci l’idea di realizzare davvero un suo labirinto. Egli però farà molto di più, dando vita ad un elegante luogo di cultura a tuttotondo, capace di sedurre gli amanti dell’arte, del design, dell’architettura, dell’hôtellerie di lusso e della natura.

Visita al Labirinto della Masone: cosa vedere

Cosa vedere nel Labirinto di Fontanellato? Durante la visita al Labirinto della Masone potrete scoprire:

  • il labirinto di bambù più grande del mondo.
  • la torre panoramica.
  • la piazza centrale di 2000 mq contornata da porticati e ampi saloni per eventi.
  • la maestosa cappella a forma di piramide, a sottolineare l’antico legame tra i labirinti e la fede.
  • un museo che espone la collezione d’arte di Franco Maria Ricci, compresa una fantastica Jaguar E-Type.
  • una biblioteca dedicata ai più illustri esempi di tipografia e grafica, oltre a tutti i libri curati da Franco Maria Ricci nei suoi cinquant’anni di attività.
  • uno spazio dedicato alle mostre temporanee.
  • un bookshop.

Guida turistica, approfondimenti di viaggio ed articoli correlati icona Scopri il Labirinto della Masone a Fontanellato.

Mangiare a Fontanellato

Esplorare Fontanellato significa anche deliziarsi con le prelibatezze culinarie che caratterizzano questa affascinante località dell’Emilia-Romagna.

Cosa mangiare a Fontanellato

La tradizione gastronomica di Fontanellato è una vera e propria festa per il palato, che offre piatti ricchi di sapori autentici e ingredienti di qualità. Dai tortelli di erbette con ricotta, una specialità locale che incanta con il suo ripieno delicato, alla gustosa e tradizionale torta fritta accompagnata – ovviamente – da salumi locali come la così detta “culaccia di Fontanellato”, il menù offre una varietà di opzioni irresistibili. In ogni ristorante o trattoria di Fontanellato, città ubicata lungo la strada del Culatello di Zibello, l’esperienza culinaria è un viaggio attraverso le tradizioni gastronomiche locali, e ogni pasto un’occasione unica e memorabile. 😉

Dove mangiare a Fontanellato

Come detto, la qualità del cibo a Fontanellato è di livello e difficilmente vi capiterà di mangiare male. Se vi state chiendendo dove mangiare a Fontanellato, ecco di seguito degli indirizzi da non perdere:

  • Ristorante Locanda Nazionale, in Via A. Costa 7, proprio accanto alla Rocca di San Vitale.
  • Degusteria Io Parmigianino, in Via Guglielmo Marconi 19, a due passi dalla Rocca di Fontanellato.
  • Trattoria del Teatro, in Piazza Giuseppe Verdi 5, nel centro di Fontanellato.
  • Trattoria Casalbarbato, in Str. Casalbarbato 16 a Casalbarbato, località a circa 4 km dal centro di Fontanellato.
  • Ristorante Bistrò Il Labirinto by 12 Monaci ospitato all’interno del complesso del Labirinto della Masone.

Dove dormire a Fontanellato

Se desiderate soggiornare nel borgo Bandiera arancione di Fontanellato, potrete prenotare un hotel o caratteristici B&B. Se invece ricercate un’esperienza di soggiorno unica, potrete riservare una delle due suite all’interno del Labirinto della Masone, arredate con opere d’arte e arredi raffinati.

Prenotazione hotel icona Prenota un alloggio a Fontanellato.

Booking.com

Icon Recensioni LE COSMOPOLITE Collection: top hotel da provare nel mondo.

Lbirinto della Masone Suites: la suite rosa recensione

Labirinto della Masone Suites

Luoghi da vedere assolutamente icon Labirinto della Masone, Fontanellato (Parma)

Hotel di lusso Lusso

Hotel: servizi Collezione d’arte interna

recensione icon Recensione Labirinto della Masone Suites

Come arrivare a Fontanellato

Fontanellato si trova nella bassa parmense, in piena Pianura Padana. Il modo migliore per arrivare a Fontanellato è in auto, mezzo che vi permetterà di muovervi agevolmente anche nei dintorni e raggiungere il Labirinto della Masone. L’autostrada che passa nei pressi di Fontanellato è l’Autostrada del Sole A1 (MI-BO) con uscita Parma Ovest per chi arriva da Bologna e uscita Fidenza per chi arriva da Milano.

Guida di Fontanellato

In questo affascinante viaggio attraverso Fontanellato, ci siamo immersi nella ricchezza della sua storia e ci siamo lasciati incantare dalle sue straordinarie attrazioni. Dalla magnificenza storica della Rocca di Sanvitale al fascino contemporaneo del Labirinto della Masone, questa guida di un giorno ha permesso di assaporare le molteplici sfaccettature di questa perla emiliana. Ogni passo è stato un incontro con l’arte, la cultura e la natura, creando un mosaico indimenticabile di esperienze. Che desideriate esplorare i corridoi storici della Rocca o perdervi tra le fronde del labirinto di bambù, Fontanellato lascerà sicuramente un’impronta indelebile nei vostri ricordi. Buon viaggio! :*

Condividi l'articolo
Roberta Ferrazzi
Roberta Ferrazzi

Ciao, sono ROBERTA FERRAZZI, travel blogger fondatrice e manager di LeCosmopolite.it - il blog al femminile per donne viaggiatrici che stai leggendo ora - Consulente in Marketing e Comunicazione crossmediale, Marketing Coach e Content Creator (RobertaFerrazzi.com). Arilicense di origine e milanese di adozione, vivo tra il Lago di Garda e Milano. Da sempre innamorata dei viaggi, non smetto mai di esplorare il mondo, scoprendo culture incredibili e luoghi mozzafiato. Adoro condividere le mie esperienze di viaggio ed itinerari attraverso il blog e spero di ispirarti a prendere la valigia e partire per avventure emozionanti anche in solitaria. In LE COSMOPOLITE ti parlo di piccolo e grandi avventure per il mondo, ma anche di come diventare travel blogger. Unendo il mio DNA del viaggiatore con la mia esperienza nel marketing crossmediale, ti spiego come trasformare la tua passione per i viaggi in una professione autentica e gratificante. Ricorda, ogni viaggio è un'opportunità per scoprire se stessi e il mondo che ci circonda. Preparati a partire e lasciati sorprendere dalle meraviglie che ti attendono!

Articoli: 349

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Questo contenuto è protetto. © Copyright 2017-2023 Roberta Ferrazzi - LeCosmopolite.it. All rights reserved.