Piazza delle Erbe a Verona: 11 cose da vedere nella piazza più antica della città patrimonio UNESCO del Veneto

Piazza delle Erbe a Verona: 11 cose da vedere nella piazza più antica della città patrimonio UNESCO del Veneto

Piazza delle Erbe a Verona è il cuore del capoluogo Patrimonio Unesco del Veneto e sicuramente una delle cose da vedere nella città dell’amore di Giulietta e Romeo. Questo angolo di Verona, con i suoi mille dettagli, le tante curiosità e la sua atmosfera suggestiva, lascia sempre a bocca aperta. In questo articolo vi racconto la storia della piazza e cosa fare e vedere in uno dei luoghi che più amo della città!

Piazza delle Erbe a Verona

Piazza delle Erbe è uno degli angoli più caratteristici della città, dove la vita e lo scorrere del tempo paiono essersi stratificati mattone sopra mattone. Sicuramente è uno dei luoghi più cari ai locali, che oggi come ieri vivono questa piazza nella loro quotidianità: non è la classica piazza per turisti, è prima di tutto il luogo di ritrovo dei veronesi. Nella mia vita ho avuto modo di passare tante ore in Piazza delle Erbe. Me la sono goduta di giorno e di notte, nelle giornate di sole e di pioggia e ne rimango rapita ogni anno a Natale, quando si accende di una magica pioggia di luci sfavillanti . Qui si celano alcuni dei gioielli del centro storico di Verona, annoverato tra i Patrimoni Mondiali dell’Umanità UNESCO. Per questo motivo, se visiterete la citta dell’amore, non potrete fare a meno di inserire nella vostra to do list di viaggio un tour di Piazza delle Erbe! Pronti a partire con me alla scoperta delle cose da vedere assolutamente? 😉

Piazza delle Erbe A Verona storia

Piazza delle Erbe è la piazza più antica della città, sorge infatti sopra l’area in cui si trovava l’antico foro romano. Possiamo quindi dire che da tempo immemore Piazza Erbe rappresenta il centro della vita sociale, politica ed economica di Verona. Con l’andar dei secoli gli antichi edifici romani hanno lasciato il posto a quelli medievali. Ciò nonostante visitando Piazza delle Erbe a Verona si percepisce immeditatamente che questo slargo ha visto molte lune: i palazzi storici, le alte torri, i mille dettagli e le curiose decorazioni di epoche diverse si sono amalgamati in un’irripetibile armonia ammaliatrice che fa si che questo luogo sia considerato ad unanimità una tra le più belle pizze d’Italia e – fatemi dire – del mondo.

Perchè si chiama Piazza delle Erbe

Una delle prime domande che tutti si pongono è “Perché Piazza delle Erbe si chiama così?”. E’ presto detto, il nome di Piazza delle Erbe deriva dal fatto che qui, un tempo, si trovava il mercato delle erbe aromatiche.

Piazza delle Erbe cosa vedere

Ora che sappiamo un po’ di più sul cuore pulsante del centro storico della città dell’amore è giunto il momento di partire per un tour alla scoperta di cosa vedere in Piazza delle Erbe a Verona!

Torre dei Lamberti e Palazzo della Regione

Appena arrivati in Piazza delle Erbe non si può non notare la torre campanaria detta Torre dei Lamberti, che sovrasta il Palazzo della Regione. Costruita nel 1172 per volere dell’omonima famiglia, di cui poco si sa, con i suoi 84 metri di altezza è ad oggi uno degli edifici più alti di Verona. E’ praticamente impossibile non avvistarla da ogni angolo della città ed è il monumento che, con proiezioni colorate, rende di volta in volta omaggio ad uno o all’altro accadimento storico e mondano. La parte bassa in mattoni alternati a tufo, in perfetto stile romanico, risale al mille, ma l’aspetto attuale si ottenne nel 1779, quando venne aggiunto l’orologio, ultima importante modifica apportata all’antica torre veronese.

Torre dei Lamberti e Arco della Costa

La Torre dei Lamberti è aperta al pubblico dal 1972. Dalla sua cima si gode di una vista mozzafiato della città e della mirabile Piazza delle Erbe. Se non soffrite di vertigini il mio consiglio è di raggiungere la sua vetta! Vi avverto però che è una delle tappe più gettonate di Verona, quindi ricordate di acquistare online il biglietto per la Torre dei Lamberti, che potete trovare al link. 😉

Arco della Costa: la costola di balena di Verona

Proprio accanto alla Torre dei Lamberti vedrete un grande arco ed uno strano oggetto che vi pende. Tutti rimangono meravigliati da questo enorme osso che fa bella mostra di sé in Piazza Erbe. Ebbene vi trovate davanti al singolare Arco della costa, chiamato così perché dal suo punto più alto pende una gigantesca costola di balena che secondo le credenze popolari è una costola perduta dal diavolo, ma che in realtà non era altro che la strana insegna dei negozi di spezie e mercanzie che nel medioevo si affacciavano sulla piazza!

Case Mazzanti

Dopo la costola della balena di Piazza delle Erbe troviamo un altro edificio curioso. Si tratta delle Case Mazzanti, che presero il nome dalla famiglia Mazzanti che le acquistò agli inizi del 1500. Ci troviamo al cospetto di alcuni tra i palazzi più antichi di Verona. Le Case Mazzanti di Piazza delle Erbe furono utilizzate come granaio nel 1300 e decorate nel 1500 con vivaci affreschi che rappresentano l’Ignoranza, la Prudenza, l’Invidia, la Provvidenza e la Lotta tra Giganti ad opera di Alberto Cavalli. Costui fu allievo del famoso architetto e pittore Giulio Romano, personalità di spicco del Rinascimento e del Manierismo che collaborò con Raffaello, ne ereditò la bottega e lavorò come artista di corte da Federico II Gonzaga realizzando Palazzo Te a Mantova. Dovete sapere che nel 1500 era uso comune affrescare con colori sgargianti le facciate dei palazzi. I veronesi però ci avevano preso un particolare gusto, tanto che la città di Verona era stata soprannominata urbs picta, ossia la “città dipinta“!

Propri qui si trova anche il Casa Mazzanti Caffè, per i locali semplicemente Il Mazzanti, dove da sempre tutti i veronesi doc si riuniscono per l’aperitivo e per fare due chiacchere la sera.

Palazzo Maffei: la casa museo

Passo dopo passo arriviamo ad un’altra delle star di Piazza delle Erbe a Verona, il meraviglioso Palazzo Maffei. Questo palazzo dalla candida facciata barocca oggi ospita la Casa Museo Palazzo Maffei. Il Museo raccoglie la collezione d’arte antica e moderna di Luigi Carlon, industriale e collezionista veronese. Casa Museo Palazzo Maffei è splendida e vi suggerisco di visitarla. Al link trovate l’articolo dedicato con il racconto della mia visita e della storia del palazzo! 😉

Torre del Gardello: la Torre delle ore

Proprio affianco a Palazzo Maffei svetta un’altra torre, la ducentesca Torre del Gardello, o Torre delle Ore. La Torre del Gardello è alta 44 metri e deve il suo aspetto attuale a Cansignorio della Scala che la fece ristrutturare nel 1363. Sulla sua sommità si trova un orologio meccanico a campana tra i più antichi d’Europa che suonò dal 1421 al 1810.

La Domus Mercatorum

Un altro dei palazzi che più caratterizza Piazza delle Erbe a Verona è la maestosa Domus Mercatorum, che potrete ammirare all’angolo con Via Pelliciai e che si caratterizza per un portico retto da colonne e pilastri ed una facciata con bifore e merlatura. Edificata nel 1301 da Alberto I della Scala come sede di Arti e Mestieri, la Domus Mercatorum, ossia la Casa dei Mercanti, è un edificio medievale che ospitava le associazioni mercantili.

Il mercato di Piazza delle Erbe a Verona

Dopo aver fatto il giro dei principali palazzi che abbracciano Piazza delle Erbe, facciamo una passeggiata per il suo centro dove si trova il mercato. Curiosando tra una bancarella e l’altra ci si imbatte in uno strano capitello, una fontana e due particolari colonne, il tutto decisamente molto antico! Vediamoli insieme … 😉

Capitello di Piazza delle Erbe

Il capitello di Piazza delle Erbe a Verona risale al 1200. Questo antico baldacchino in marmo si trovava, oggi come allora, al centro del mercato e porta ancora incise sulle colonne e sul basamento le unità di misura per il commercio:

  • il “PER” (pertica),
  • il “BRAS” (braccio)
  • il “PASSUS” (passo, piede)
  • il “copo” (la tegola)
  • il “quarel” (il mattone)
  • la catena rotonda in ferro, fissata sulla colonna verso via Pellicciai, che determinava la misura della “fassina” (il fascio di legname tenero).

Qui venivano anche tenuti i proclami e puniti i malfattori, che – leggenda vuole – venissero immersi in inverno nelle gelide acque della vasca in marmo che poggia su di un lato del capitello!

Fontana della Madonna di Verona

La Fontana della Madonna di Verona fu fatta erigere nel 1368 dal principe Cansignorio della Scala utilizzando una antica statua romana, presente a Verona già dal I secolo d.C.. Per questo motivo si considera la fontana come la più antica della città. La statua regge tra le mani un cartiglio in rame che porta un’iscrizione con l’antico motto di Verona “Est justi latrix urbs haec et laudis amatrix” ossia “E’ città che dispensa giustizia ed ama la lode“.

Colonna di San Marco di Piazza Erbe

Proprio di fronte a Palazzo Maffei fa bella mostra di sé la colonna di San Marco, con il tipico Leone Marciano della Serenissima, realizzata nel 1523.

Colonna Antica di Piazza delle Erbe

La colonna antica di Piazza delle Erbe a Verona si trova sul lato di Via Cappello ed è stata eretta nel 1401 in stile gotico e decorata con le insegne dei Visconti di Milano, che dominarono sul veronese.

Come arrivare in Piazza delle Erbe a Verona

Come arrivare in Piazza delle Erbe a Verona? Per me la miglior risposta è: a piedi! Sì, perché Piazza delle Erbe – come detto – è ubicata proprio nel cuore del centro storico di Verona e, sebbene qualche autobus cittadino che passi da queste parti ci sia (sempre che riusciate a trovare risposta nel criptico sito di ATV), camminare è di gran lunga il modo migliore per raggiungere la piazza! In particolare vi segnalo tre percorsi:

  • Da Piazza Bra, dove si trova la famosa Arena di Verona, prendete per via Mazzini, la via dello shopping cittadino, ed in meno di 10 minuti vi ritroverete all’angolo con Via Cappello e Piazza Erbe.
  • Dalla Casa di Giulietta, in Via Cappello, vi basterà seguire la strada per 2 minuti circa.
  • Dal Museo Castelvecchio prendete per Corso Cavour, superate Porta Borsari e continuate lungo Corso Porta Borsari e in 10 minuti circa raggiungere la destinazione.

Queste vie sono tra le arterie principali del centro storico di Verona e camminare lungo queste strade vi permetterà di scoprire degli angoli incantevoli della città. 😉

Hotel in Piazza Erbe a Verona

Se Piazza delle Erbe a Verona vi ha conquistato vi farà piacere sapere che ci sono diversi hotel e appartamenti n cui potrete soggiornare nei pressi di questo magnifico luogo, compreso uno dei tre lussuosi Hotel a 5 Stelle di Verona: l’Hotel Gabbia d’Oro in Corso Porta Borsari 4a, che si trova affianco alla Torre del Gardello.

Booking.com

Vi è piaciuto questo tour di Piazza delle Erbe? Ho dedicato molti altri articoli ai luoghi da visitare a Verona e dintorni che potete trovare al link! Buona lettura e buon viaggio! :*

Roberta Ferrazzi

Roberta Ferrazzi, travel blogger veronese fondatrice e manager di LeCosmopolite.it, il salotto dedicato alle donne viaggiatrici, è una consulente in comunicazione online e offline con pluriennale esperienza nel mondo del lusso a livello internazionale e forte competenza nel campo della moda, gioielleria, orologeria, design e luxury event. Nel 2017 ha fondato la PR & Digital boutique Roberta Ferrazzi Communication. Oggi progetta e realizza strategie di comunicazione digitali e offline per promuovere con profitto aziende e professionisti. Il suo ufficio è il suo computer. La potrete trovare spesso sul Lago di Garda, a Milano, a Roma, a Parigi e ovunque il desiderio di scoperta la conduca. Ama il design, l’arte, la moda, la musica e il ballo (il tango in particolare), il buon cibo e le grandi tazze di caffè. Viaggia spesso in solitaria alla scoperta di nuove culture o alla ricerca di un po’ di relax. Per contattarla

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.