fbpx

Tour Andalusia: da Granada a Cordoba in 3 giorni, l’itinerario in Spagna

Granada e Cordoba sono due città dell’Andalusia, in Spagna, da vedere assolutamente se amate gli itinerari che uniscono cultura, enogastronomia e buon vivere. Un weekend nel Sud della Spagna, con un tour nel cuore dell’Andalusia, vi regalerà un’esperienza ricca di storia, cultura, siti Patrimonio UNESCO e paesaggi mozzafiato, il tutto sui conturbanti ritmi del Flamenco. In questo articolo vi condurremo in un’avventura indimenticabile attraverso le affascinanti strade della Spagna meridionale. Il punto di partenza sarà la splendida Granada, famosa per l’incantevole Alhambra e i suoi rigogliosi giardini, città che vi darà l’opportunità di visitare in giornata anche Cordoba e le sue meraviglie. Un viaggio di 3 giorni che vi permetterà di assaporare l’autentica bellezza dell’Andalusia e le tipicità culinarie che questa regione ha da offrire. Preparatevi a vivere un’avventura spagnola che resterà nei vostri ricordi per sempre.

Tour Andalusia

Le città di Granada e Cordoba sono sicuramente due tra i principali luoghi d’interesse dell’Andalusia, grazie anche alle loro straordinarie opere architettoniche, tra cui citiamo in primis Alhambra di Granada e la Grande Moschea di Cordoba, luoghi UNESCO dove il passato si fonde armoniosamente con il presente, regalando un’esperienza di viaggio indimenticabile. Prima di farvi conoscere queste affascinanti città spagnole, è d’obbligo dispensare alcuni cenni storici e di cultura generale. Ebbene, dovete sapere che l’Andalusia è la comunità autonoma più popolosa della Spagna ed è composta da otto province, tra cui le più note Siviglia, il capoluogo, Granada, Cordoba e Malaga. L’Andalusia è stata riconosciuta comunità autonoma dal governo spagnolo nel 1978 ed è considerata la patria dell’architettura moresca, insomma un vero gioiello artistico e architettonico che vale sicuramente la pena di visitare anche solo per un weekend fuoriporta. 😉

Guida turistica, approfondimenti di viaggio ed articoli correlati icona Scopri cosa vedere in Spagna con le guide di LE COSMOPOLITE.

Cerchi un viaggio organizzato su misura?

Vivi le avventure di LE COSMOPOLITE Viaggi.

Scegli e personalizza i nostri itinerari o creane di tuoi insieme ad un esperto di viaggi.

Dove si trova l’Andalusia

L’Andalusia è una regione situata nel sud della Spagna. Confina a nord con le regioni spagnole di Estremadura e Castiglia-La Mancia, a ovest con il Portogallo, a est con la Murcia e a sud con il Mar Mediterraneo e l’Oceano Atlantico. La sua posizione strategica le conferisce un clima mediterraneo, caratterizzato da estati calde e secche e inverni miti. Come detto, l’Andalusia è una delle regioni più grandi e popolose della Spagna, rinomata per la sua ricca storia, cultura, architettura moresca, paesaggi variegati e influenze artistiche uniche. La città di Siviglia è la capitale dell’Andalusia e tra le altre città importanti della regione ci sono Granada, Cordova, Malaga e Cadice.

Cosa vedere in Andalusia in 3 giorni

L’Andalusia è un territorio ricchissimo di tesori culturali e naturali, che conquista ogni visitatore con la sua atmosfera unica, frutto di un armonioso intreccio di diverse culture. Questa regione della Spagna si presta perfettamente sia per lunghi viaggi, che per viaggi più brevi, anche di un weekend. In questo articolo vi proponiamo un tour in Andalusia di 3 giorni, che va da Granada a Cordoba e che vi regalerà esperienze culturali e paesaggistiche indimenticabili. In particolare l’itinerario di 3 giorni in Andalusia prevede:

  • Giorno 1 | Volo dall’Italia a Granada e visita della città.
  • Giorno 2 | Escursione in giornata a Cordoba da Granada.
  • Giorno 2 | Visita di Granada e volo di rientro in Italia.

Cosa vedere in Andalusia in 3 giorni? Scopriamolo di seguito! 😉

Granada

La prima tappa del tour in Andalusia di tre giorni è Granada, una città che si distingue per la sua ricca storia, l’architettura moresca mozzafiato e un’atmosfera vibrante. Granada, con i suoi meravigliosi siti Patrimonio UNESCO, è una destinazione che da sempre incanta e affascina i visitatori di tutto il mondo. La città è famosa per l’iconico palazzo dell’Alhambra, un capolavoro dell’architettura islamica, e per l’incantevole quartiere dell’Albaicín, con le sue stradine tortuose e le case bianche che si aggrappano alle colline. Un viaggio a Granada offre un’esperienza unica, tra passeggiate nei giardini dell’Alhambra, un tuffo nell’atmosfera vivace della Plaza Nueva e un assaggio della gustosa cucina andalusa. Un mix affascinante di cultura, storia e bellezza paesaggistica vi attende in questa città indimenticabile della Spagna. 😉

Dove si trova Granada

Granada si trova in Andalusia, ai piedi delle maestose montagne della Sierra Nevada, un’autentica riserva di chiare, fresche e dolci acque per la città, a 70 Km a nord-est della costa del Mar Mediterraneo. Granada è incastonata tra le montagne a circa 738 metri sul livello del mare, una collocazione che le regala un’ambientazione unica e altamente suggestiva.

Tour Granada Andalusia: cosa vedere a Granada

Come arrivare a Granada

Il modo più comodo per arrivare a Granada dall’Italia è in aereo. La città è dotata di un aeroporto, che è ubicato nella località di Chauchina, a circa 10Km dal centro della città andalusa. L’Aeroporto di Granada (GRX) è collegato all’Italia anche da voli low cost, che vi porteranno a Granada in poco più di due ore, opzione decisamente preferibile al viaggio in macchina. All’atterraggio a Granada troverete ad accogliervi un aeroporto piccolo (ci sono solo quattro gates), ma molto carino e ben collegato alla città. Potrete raggiungere il centro di Granada dall’Aeroporto con bus, taxi oppure noleggiando un’auto.

Aereo: offerte voli Cerca offerte voli per Granada.

Hotel a Granada

La città di Granada è il punto di partenza ottimale per un tour in Andalusia. Offre moltissime possibilità di soggiorno dai B&B, ai piccoli alberghi paragonabili alle nostre “pensioni” oppure, pecunia permettendo, ai numerosi hotel 4 o 5 stelle situati nel centro della città andalusa. Amanti delle comodità, in questo itinerario di 3 giorni in Andalusia vi consigliamo quest’ultima soluzione, e vi suggeriamo in particolare di soggiornare presso l’Hotel Melià Granada, un albergo 4 stelle che ha un ottimo rapporto qualità prezzo e offre delle gustose colazioni.

Prenotazione hotel icona Prenota un hotel a Granada.

Booking.com

Cosa vedere a Granada in 2 giorni

La città di Granada è la prima tappa del nostro tour in Andalusia di tre giorni. In particolare ci fermeremo in questa pittoresca città per due giorni, durante i quali riusciremo a visitare i luoghi più iconici che la caratterizzano. Le due giornate a Granada saranno intervallate da un giorno dedicato ad un’escursione a Cordoba. La nostra lista del cosa vedere a Granada in 2 giorni con un itinerario a piedi in città propone tra le sue tappe principali:

  • la Cattedrale di Granada e Cappella Reale
  • l’antico quartiere moresco dell’Albaicin con i suoi bei miradores.
  • Sacromonte, il quartiere gitano del Flamenco.
  • la città fortezza di Alhambra, Patrimonio UNESCO.

Celndario del programma di viaggio: itinerari e tour icon Giorno 1 | Itinerario a Granada

Il nostro itinerario alla scoperta di Granada parte Plaza del Carmen, dove si trova anche l’Ufficio del turismo di Granada ubicato nell’antico convento del Carmen, e ci condurrà fino a Sacromonte con un tragitto di poco più di 3 Km.

Corral del Carbon

Corral del Carbon, in C. Mariana Pineda 21, è un antico palazzo che risale al 1330 ca. che presenta una caratteristica entrata ad arco a ferro di cavallo di stupefacente bellezza. Il nome Corral del Carbon deriva dal fatto che qui un tempo si trovava una locanda utilizzata dai commercianti di carbone per i loro affari. Il palazzo Corral del Carbon è ora sede degli uffici governativi.

Plaza Isabel La Catolica

Plaza Isabel La Catolica è la piazza di Granada in cui potrete ammirare la magnifica statua che immortala Isabella di Castiglia e Cristoforo Colombo nell’atto in cui la Regina lo autorizza a partire per il nuovo mondo.

Cattedrale di Granada e Cappelle Reali

La maestosa Cattedrale di Granada, in C. Gran Vía de Colón 5, anche conosciuta come Cattedrale dell’Incarnazione, in spagnolo Catedral de la Encarnación, è il principale luogo di culto cattolico della città. Questo complesso eccezionale, che costituisce una delle più significative espressioni del Rinascimento spagnolo. include la prestigiosa Cappella Reale, il mausoleo dove sono sepolti i Re Cattolici, ossia Isabella di Castiglia, il marito Ferdinando d’Aragona la loro figlia Giovanna la Pazza ed il di lei marito Filippo il Bello. All’interno potrete ammirare splendidi sarcofagi in marmo opera di uno scultore italiano per quanto riguarda i reali e di uno spagnolo per la figlia e genero.  Da visitare anche il museo della Cappella Reale con opere di straordinario valore.

Albayzin, il quartiere arabo di Granada

El Albaicín di Granada o Albayzin, è il pittoresco quartiere arabo di Granada, formato da viuzze e vicoletti che si snodano sulle pendici della collina posta di fronte all’Alhambra. Nel 1200 questa zona era rinomata come un quartiere opulento, caratterizzato da sontuose ville e palazzi chiamati “Cármenes”. Il quartiere moresco di Albaicín si presentava come un intricato labirinto di vicoli, piazze e abitazioni dalle facciate imbiancate. Tuttavia, con la conquista di Granada nel 1492 da parte dei Re Cattolici, le moschee all’interno di questo quartiere moresco furono demolite e sostituite da chiese, segnando una trasformazione significativa nella sua storia architettonica. Attualmente, all’interno di Albaicín, si conserva solamente un palazzo moresco noto come Dar al-Horra, che risale al 1400. Un altro importante residuo moresco è rappresentato dalle terme arabe, conosciute come El Bañuelo, che sono sopravvissute alla demolizione in quanto costruite sopra le precedenti abitazioni.

Iniziate la piacevole passeggiata che vi porterà alla scoperta delle pittoresche strade di questo quartiere moresco da Plaza Nueva. Seguite l’antica via che costeggia il fiume Darro e ammirate i romantici ponticelli che collegano le due sponde. Ammirate ciò che resta de El Bañuelo, il più antico e meglio conservato bagno arabo “hammam” dell’Andalusia. Raggiungete poi la Chiesa di San Nicolás e il suo punto panoramico per ammirare la maestosa Alhambra, l’affascinante complesso palaziale andaluso nel suo tipico colore rossastro.

Tour guidati di gruppo icon Prenota un tour guidato di Albayzín e Sacromonte:

Iglesia de San Nicolás e il Mirador de San Nicolás

La Iglesia de San Nicolás e il Mirador de San Nicolás rappresentano un affascinante connubio di storia e vedute panoramiche. Costruita nel1500 su commissione della coppia reale cattolica sulle fondamenta di una precedente moschea, la chiesa di San Nicolás si erge nel cuore dell’Albaicín. Dalla Plaza de San Nicolás, potrete ammirare una vista spettacolare sulla città di Granada, sull’Alhambra e sulla maestosa catena montuosa della Sierra Nevada. Il Mirador de San Nicolás è un luogo imperdibile, specialmente se siete appassionati di fotografie, soprattutto al momento del tramonto, per immortalare le suggestive immagini dell’Alhambra dipinta dei colori dell’oro.

Alhambra Granada

Sacromonte, il quartiere gitano di Granada

Il quartiere Sacromonte di Granada, adagiato sulla collina di Valparaiso e confinante con il versante nord-est del quartiere arabo El Albaícin, racconta una storia ricca di cultura e tradizione. Nel 1400 questo luogo accoglieva un considerevole insediamento di rom, i gitani spagnoli, che costruirono le proprie dimore nelle grotte, creando delle case rupestri sulle colline di cui oggi potete ancora visitare qualche esempio. Sempre in questo periodo la collina di Valparaiso fu designata come montagna sacra poiché si credeva che al suo interno potessero trovarsi i resti di San Cecilio, il santo patrono della città. Deriva da qui il nome “Sacromonte”. Il quartiere è intrinsecamente legato alla cultura gitana, che vanta una lunga tradizione di flamenco, danza e musica tipica spagnola. I gitani hanno contribuito a creare una fusione affascinante tra il tradizionale flamenco spagnolo e la danza del ventre araba. Oggi, molte esibizioni di flamenco prendono vita nelle grotte rupestri, conosciute come “tablao”. Sebbene gli spettacoli di flamenco possano essere considerati turistici, la visita a una di queste grotte e l’assistere ad uno spettacolo di flamenco è un’attività imperdibile prima di lasciare Sacromonte. Oltre agli spettacoli di flamenco, a Sacromonte potrete godere di una magnifica vista sulla città di Granada, abbracciando panorami che includono l’incantevole quartiere Albaicin e l’imponente Alhambra.

Spettacolo di Flamenco a Granada

Per concludere questa bellissima giornata di visita di Granada vi consigliamo di concedervi un aperitivo o una cena con spettacolo di Flamenco in un suggestivo tablao, tipico locale di flamenco, della città. Il Flamenco è intensa forma espressiva che unisce musica, canto e danza nata alla fine del Settecento proprio in Andalusia. Durante lo spettacolo potrete provare gustare i piatti tipici di Granada, frutto della tradizione contadina e marinara della regione andalusa. Cerveza con tapas rimangono comunque un must in Andalusia. In generale nei locali di Granada le porzioni sono abbondanti e i prezzi molto convenienti, il paradiso degli amanti della buona tavola! 😉

Guida turistica, approfondimenti di viaggio ed articoli correlati icona Scopri i Vini dell’Andalusia e le degustazioni eno-gastronomiche della Spagna.

Celndario del programma di viaggio: itinerari e tour icon Giorno 2 | Escursione a Cordoba da Granada

Cordoba

Il secondo giorno del nostro viaggio in Andalusia di 3 giorni inizia di buon mattino. Ci prepariamo infatti a partire per un’escursione in giornata a Cordoba o Cordova che dir si voglia.  🙂

Come arrivare a Cordoba da Granada

Come arrivare a Cordoba da Granada? Per visitare Cordoba in giornata da Granada avete tre possibilità:

  • noleggiare un’auto a Granada e fare il tour di Cordoba in autonomia.
  • prendere un treno da Granada a Cordoba e fare il tour della città in autonomia. La durata del viaggio è di 1 h e 40 minuti circa per tratta.
  • partecipare ad un’escursione guidata di un giorno a Cordoba con partenza da Granada.

Noleggio auto Prenota un auto a noleggio a Granada.

Treno: biglietti, orari e prezzi Acquista un biglietto del treno per Cordoba.

Dove si trova Cordoba

Cordoba è situata a circa 210 kilometri in direzione nord est da Granada. Il viaggio tra le due città è tranquillo e rilassante, e svela un paesaggio incantevole. Uliveti a perdita d’occhio, migliaia e migliaia di ulivi ricoprono infatti in file ordinatissime le colline sino all’arrivo a Cordoba. Alcune piantagioni recenti, altre con qualche decennio, campi predisposti per la piantagione ma, comunque, ulivi, ulivi ed ancora ulivi. Dopo 210 chilometri di colline ed uliveti ecco apparire Cordoba in una conca che racchiude questa bellissima cittadina (di oltre 300.000 abitanti) che la fa diventare, nel periodo estivo, un forno a cielo aperto. Si raggiungono e si oltrepassano tranquillamente i 42 gradi e l’unica fonte di frescura è data dal fiume Guadalquivir ma che ha perso, nel corso dei secoli, buona parte della sua portata d’acqua. Se deciderete di arrivare a Cordoba in auto, vi consigliamo di parcheggiare nei pressi dell’antico ponte Romano.

Storia di Cordoba

L’origine della città risale al paleolitico stante alcuni reperti dell’epoca. Le prime notizie storiche risalgono all’epoca cartaginese mentre la conquista romana risale a circa 200 anni prima di Cristo. A metà dell’VIII secolo passò sotto il dominio saraceno sino al famoso 1492 con la cosiddetta “reconquista” e la definitiva cacciata dei mori dalla Spagna cattolica.

Cosa vedere a Cordoba in 1 giorno

Cosa vedere a Cordoba vi starete chiedendo. Domanda difficile ma risposta facile: tutto!!! In un solo giorno miracoli non si possono fare, quindi bisogna focalizzarsi sulle cose più importanti.

Grande Moschea di Cordoba

Il nostro consiglio è quello di non perdere la visita al più famoso monumento musulmano presente in Spagna: la Grande Moschea di Cordoba, in lingua natia Mezquita Catedral de Cordoba. Lo straordinario monumento è stato eretto nel VI secolo inizialmente come Basilica visigota, la Mosche di Cordoba rimane Cristiana sino al 750 circa. Inizia poi il dominio saraceno che vedrà la Moschea di Cordoba oggetto di ampliamenti, successivamente (1236)  con la riconquista  cristiana di Cordoba viene convertita in Cattedrale e, da allora si sono susseguiti altri ampliamenti, altre costruzioni e numerose ristrutturazioni. Oggi la Grande Moschea di Cordova è splendidamente conservata ed è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1984.

Di particolare pregio la Cappella Reale, la Mezquita (Moschea), le colonne (originariamente erano circa 1300 ma ne rimangono ad oggi “solo” 800), e poi le mura esterne, la Torre Campanaria (in origine il famoso minareto), lo splendido giardino interno con aranceti (Patio de los Naranjos) che, in origine vedeva svettare numerose palme che davano ombra e frescura a chi si riparava dal caldo estivo.

Alcázar dei Re Cristiani

L’Alcázar de los Reyes Cristianos a Cordoba, è una testimonianza straordinaria della convivenza delle culture che hanno plasmato la storia della città. Questa imponente fortezza, costruita nel XIII secolo su preesistenti edifici moreschi, fu concepita come residenza reale e sede del potere cristiano durante la Reconquista. Il suo nome, che significa “Fortezza dei Re Cristiani“, sottolinea il periodo in cui servì come dimora dei monarchi cattolici. L’Alcázar è nota per i suoi magnifici giardini, fontane e cortili, che creano un’atmosfera di serenità e bellezza.

Ponte romano di Cordoba

Il Ponte Romano di Cordoba, conosciuto come Puente Romano, è un’icona storica che attraversa il fiume Guadalquivir nella città spagnola di Cordova. Costruito durante l’epoca romana, precisamente nel I secolo a.C., questo ponte è uno dei più antichi esempi di ingegneria romana ancora in uso. Originariamente composto da 17 arcate, ne rimangono oggi solo 16 a causa delle modifiche apportate nel corso dei secoli. La struttura è stata restaurata e ristrutturata durante il periodo califfale e il periodo medievale, ma conserva ancora il suo carattere storico. Il Ponte Romano collega il cuore della città di Cordova con il quartiere di Campo de la Verdad sul lato opposto del fiume, offrendo una vista mozzafiato sulla città e sull’Alcázar dei Re Cristiani. La sua presenza, che arricchisce il paesaggio urbano con la sua maestosità storica, è un’incantevole testimonianza dell’antico passato romano di Cordoba.

Molino de la Albolafia

Il Molino de la Albolafia è un antico mulino situato lungo l’Avenida del Alcázar nel centro di Cordova, Spagna. Questo mulino storico è uno degli ultimi rimasti della sua tipologia nella città e rappresenta un pezzo prezioso del patrimonio storico di Cordova. Il suo nome deriva dall’arabo “al-bury al-faw,” che significa “il mulino sulla sponda” o “il mulino bianco”. Costruito durante l’epoca califfale nel X secolo, il Molino de la Albolafia ha attraversato diverse fasi di ristrutturazione e restaurazione nel corso dei secoli. Originariamente utilizzato per la macinazione del grano, è stato successivamente adibito anche alla produzione di energia idraulica. Il mulino si trova sulla riva del fiume Guadalquivir ed è oggi un sito storico aperto al pubblico.

Quartiere Ebraico di Cordoba

Il quartiere ebraico di Cordoba, noto come la Judería, è un affascinante labirinto di strette strade lastricate e affollate di storia, situato nel cuore del centro storico della città. Questo quartiere, un tempo fulcro della cultura ebraica durante il periodo medievale, incanta i visitatori con la sua autenticità e atmosfera suggestiva. Passeggiare per le viuzze della Judería significa immergersi nella storia, con le case bianche decorate da fiori, imperdibili quelle di Calle de las Flores, e le caratteristiche “patios” andalusi, cortili interni adornati, che raccontano storie di convivenza tra diverse comunità. Il quartiere ospita anche la Sinagoga di Cordoba, un gioiello architettonico risalente al XIV secolo. Mentre esplorate la Judería, scoprirete botteghe artigiane, ristoranti tradizionali e angoli suggestivi che catturano l’essenza di un’epoca passata. Con la sua ricca storia e l’atmosfera incantata, il quartiere ebraico di Cordova offre un’esperienza di viaggio indimenticabile.

Celndario del programma di viaggio: itinerari e tour icon Giorno 3 | Visitare Alhambra a Granada

Il terzo giorno del nostro tour in Andalusia lo dedichiamo al gioiello di Granada, Alhambra. Visitare Alhambra è un’esperienza di viaggio da non perdere in quest’antica città andalusa. Alhambra è infatti il luogo d’interesse da mettere in cima alla lista del cosa vedere a Granada. L’Alhambra è una vera e propria città murata, quasi una medina come le più famose di Marrakech e Fez, eretta nel 1232 in posizione strategica sul colle Sabika e rappresenta uno splendido esempio di arte andalusa. Patrimonio dell’UNESCO dal 1984, l’Alhambra è in lizza anche per entrare a far parte delle sette meraviglie del mondo moderno, niente male che dite?

Guida turistica, approfondimenti di viaggio ed articoli correlati icona Scopri la guida di Alhambra di LE COSMOPOLITE.

Alhambra

Biglietti Alhambra

I biglietti per visitare Alhambra vanno acquistati con largo anticipo online. La visita dell’intero complesso dell’Alhambra comprende:

  • Alhambra
  • i Giardini del Generalife
  • i Palazzi dei Nasridi
  • la Alcazaba

Tour guidati di gruppo icon Prenota un tour guidato dell’Alhambra e dei Palazzi Nasridi con biglietti salta la fila.

Come raggiungere l’Alhambra

Raggiungere Alhambra dal centro di Granada è molto semplice. Da Plaza Nueva imboccate Carrera del Darro e costeggiate il fiume fino a raggiungere il Puente del Aljibillo. Da qui iniziate la salita verso l’ingresso di Alhambra. La lunghezza del percorso è di circa 2 Km.

Storia di Alhambra

Alhambra è un palazzo-fortezza medievale di rilevanza straordinaria che è stato dichiarato Patrimonio UNESCO ed è a ragione costituendo uno dei monumenti più importanti di tutta la Spagna. Questo complesso palaziale, edificato nel 1200 durante il periodo della dominazione moresca sotto i sultani Nasridi, prende il nome arabo “qasr alhamr”, che significa “Palazzo Rosso“. Il colore rosso che caratterizza l’Alhambra proviene dall’argilla rossa utilizzata nella miscelazione delle pietre. Posta strategicamente su una collina, la fortezza (Alcazaba) domina gran parte del centro di Granada, offrendo una vista spettacolare della città dall’alto. All’interno delle sue mura si trovano il magnifico Il Palazzo di Nasride, che comprende diversi edifici tra cui l’iconico Palacio de los Leones, i meravigliosi Giardini del Generalife, i giardini del palazzo estivo, la fortezza militare Alcazar e torri medievali, che regalano un panorama storico e architettonico di straordinaria bellezza.

Quanto dura la visita ad Alhambra

La fortezza di Granada è vasta e il percorso di visita all’interno delle mura di Alhambra è di circa 3,5 Km. Quanto dura la visita ad Alhambra? Il sito ufficiale indica come durata minima della visita 2 ore e mezza, ma vi suggerisco di dedicare ad Alhambra almeno 4 ore. Tenete presente che l’ordine di visita delle diverse aree della fortezza dipenderà dalla fascia oraria indicata sul biglietto per accedere ai Palazzo Nasridi, che ha un ingresso contingentato.

Una volta finita la visita di Alhambra, recuperate i vostri bagagli e dirigetevi verso l’aeroporto per il volo in serata, che vi riporterà in Italia. 😉

Cosa mettere in valigia per un viaggio in Andalusia

Prima di lasciarvi ecco qualche suggerimento su cosa mettere in valigia in un tour in Andalusia. Col calare della sera la “caliente” Andalusia si fa molto meno caliente. Ricordate che nel mese di febbraio, quando l’abbiamo visitata noi, il clima in Andalusia è bizzarro: si passa tranquillamente dai 4/5 gradi della mattina ai 18/19 del pomeriggio salvo poi ritornare a temperature “fresche” di sera. Ergo attrezzarsi alla bisogna per evitare sicuri “congelamenti” ed evitare di scaldarsi eccessivamente con Sangria a fiumi, stante il fatto che la servono, sempre, ghiacciata. se viaggiate con un bagaglio a mano, ricordate di verificare le misure della valigia e i pesi consentiti!

Guida dell’Andalusia da Granada a Cordoba

In conclusione, il tour di 3 giorni da Granada a Cordoba attraverso l’incantevole regione dell’Andalusia offre un’esperienza indimenticabile nella ricca storia, nell’arte moresca e nella vibrante cultura spagnola. Da Granada con la maestosa Alhambra a Cordoba con la magnifica Mezquita, ogni passo è un viaggio nel tempo attraverso secoli di influenze culturali. Gli scenari mozzafiato, l’ospitalità calorosa e i sapori unici rendono questo itinerario un’autentica immersione nella bellezza dell’Andalusia. Che tu sia appassionato di storia, architettura o semplicemente desideri assaporare l’autentica atmosfera spagnola, questo tour offre un viaggio indimenticabile attraverso alcune delle gemme più preziose di questa affascinante regione iberica. 😉

Condividi l'articolo
Redazione Le Cosmopolite
Redazione Le Cosmopolite

Benvenuti in LE COSMOPOLITE, il travel blog al femminile dedicato alle donne viaggiatrici fondato e diretto da ROBERTA FERRAZZI. Il nostro obiettivo è ispirare e guidare le donne alla scoperta di avventure straordinarie in giro per il mondo. Nel blog troverai tante idee, consigli e racconti personali per pianificare il tuo prossimo viaggio ed esplorare mete affascinanti. Vogliamo incoraggiare le donne a sentirsi forti, capaci e sicure di sé nel perseguire i loro sogni di viaggio. Unisciti a LE COSMOPOLITE in questa meravigliosa avventura e scopri il mondo attraverso gli occhi di una donna viaggiatrice!

Articoli: 38

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Questo contenuto è protetto. © Copyright 2017-2023 Roberta Ferrazzi - LeCosmopolite.it. All rights reserved.