Heller Garden

Gardone Riviera: il giardino botanico Heller Garden sul Lago di Garda

Heller Garden è un meraviglioso giardino botanico in Gardone Riviera e fa parte del circuito dei Grandi Giardini Italiani. Una galleria d’arte contemporanea immersa in una natura lussureggiante che incanta. Una meta da non perdere sul Lago di Garda!

Heller Garden

Il giardino botanico Heller è un vero e proprio gioiello e pensate che, per assurdo, è più conosciuto dai turisti che non dai locali del Lago di Garda (shame on us!). Io stessa sono passata più volte davanti al giardino botanico senza fermarmi. Da fuori, infatti, è impossibile intuire la magia di questo luogo.

Gardone Riviera

Andrè Heller

Chi è Heller?

Andrè Heller è un artista eclettico classe 1947 ed un vero e proprio cosmopolita, che ha scelto come casa base Vienna, la sua terra d’origine, e Gardone Riviera. Annoverato tra gli artisti multimediali più influenti, il suo lavoro spazia dalle opere artistiche per giardini alle wunderkammern, passando per grandi sculture volanti e galleggianti, il rinnovamento di circhi e di varietà, opere teatrali e show, progettazione di musei, senza contare la sua prolifica carriera come musicista e cantautore.

Giardino botanico Hruska

Vi capiterà di sentir chiamare l’Heller Garden anche giardino botanico Hruska. Il cecoslovacco Arturo Hruska fu quello che oggi potremmo definire il dentista delle star. Tra i suoi clienti annoverava gli Zar, la Famiglia Reale Italiana, il Papa Pio XII e Giovanni XXIII, il re Alberto del Belgio, per citarne alcunni. Nel 1901 Hruska si trasferisce a Gardone Riviera e acquista 15.000 metri di terreno che ben presto, grazie alle sue conoscenze di botanica, trasforma in un giardino botanico. Sono gli inizi del 1900 e Gardone viene definita la città-giardino, grazie ai tanti parchi realizzati in quel periodo.
La Fondazione André Heller acquista il Giardino Hruska nel 1989.

Heller Gardone

Giardino Botanico Heller

Heller definisce il suo giardino botanico sul Lago di Garda un “campionario di regioni del mondo”, rigoglioso grazie all’“aria della fortuna” che contraddistingue questa terra. Il parco, pensato come centro di coscienza ecologica, racchiude piante provenienti da tutto il mondo che convivono e si fondono in modo armonico.

Heller Gardone Riviera

Nei 10.000 metri quadrati di terreno, tra cascate, fiumi, laghetti, stagni di fiori di loto, montagne rocciose e crepacci, convivono 3000 specie di piante proveniente da ogni angolo del globo: dalle Alpi all’Himalaya, dal Mato Grosso alla Nuova Zelanda, dal Giappone all’Australia, al Canada, all’Africa.

Pare proprio di fare un giro del mondo quando, dimentichi dello spazio e del tempo, ci si immerge nella natura surreale del Giardino Heller. Negli intensi colori del parco si intrecciano richiami alla spiritualità orientale, simboli buddisti e tibetani, così come riferimenti alla cultura metropolitana, pop e contemporanea.

Sei un amante degli itinerari naturalistici? Guarda anche il nostro articolo dedicato alla visita alla Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino vicino al Lago di Iseo.

 

Camminando nel Giardino botanico Heller troviamo dei punti particolari come le bandiere tibetane Dashi, che ci accolgono all’ingresso del parco, le grandi Ametiste dell’Uruguay, la Porta Cinese Torri o il Buddha seduto nella cornice del Lago Strawinsky.

Heller Garden opere d’arte

Le opere di artisti del calibro di Keith Haring, Joan Mirò, Roy Lichtenstein, Erwin Novak, Peter Pongratz, Susanne Schmoegner,Rudolgh Hirt, Edgar Tezak e dello stesso Heller, sono anch’esse fuse con la natura del parco, tanto che a volte quasi non le si scorge.

Ma vediamone alcune insieme:

Keith Haring

Kaith Harrings (1958-1990) è uno street artist amaricano, le cui opre – divenute cult – sono aprezzate in tutto il mondo. Haring ha anche realizzato la grafica del biglietto d’ingresso al parco che potrete conservare come simpatico souvenir.

Joan Miró

Definito il re dei surrealisti, l’artista spagnolo Joan Miró (1893 – 1983) è stato un pittore, scultore e ceramista. Se avete trascorso qualche giorno a Barcellona quasi sicuramente avrete anche visitato la Fundació Joan Miró sul promontorio di Montjuïc, dove sono conservate oltre 10.000 delle sue creazioni.

Roy Lichtenstein

Roy Lichtenstein (1923- 1997) è un’artista statunitense tra i maggiori esponenti della Pop Art. Le sue opere si riconoscono facilmente grazie ad un utilizzo estremo della tecnica tipografica detta “Ben-Day dot” e per i richiami al mondo pubblicitario e dei fumetti. Aggirandovi per il giardino scoverete due piramidi immerse nella sabbia ad opera dell’artista.

<

Booking.com

Rudolph Hirt

All’artista Rudolph Hirt dobbiamo il Grande Ganesh all’entrata del parco Heller e la grande e suggetiva testa del dio Babilonese Johannes.

Mariano Fuga

Vicentino classe 1948, lo scultore Mariano Fuga vive e lavora a Gargnano sul Garda. I suoi “cuchi” (fischietti in ceramica) sono disseminati per tutto il Giardino botanico Heller, carichi di magia e positività.

Guarda il diario fotografico della mia visita al Giardino Botanico Heller Garden!

 

Andrè Heller

Andrè Heller propone due sue opere: il Genius Loci e i Mostri sputanti.

Heller, qualche informazione:

  • La visita al Giardino botanico di Gardone dura circa un’ora, ma se amate la fotografia scommetto vi fermerete un po’ di più! 😉
  • Affianco all’entrata dell’Heller Garden c’è un comodo parcheggio per auto.
  • I cani sono ammessi
  • Non è possibile fare un pic-nic nel giardino botanico, ma potrete fermarvi nel colorato dehors del chioschetto e godervi tutta questa pace e bellezza in tranquillità!

Viaggio sola

Sei una donna che viaggia da sola e stai cercando una meta per una giornata o un weekend fuoriporta? Il Lago di Garda è sicuramente una meta da considerare: il territorio variegato, i suoi colori mozzafiato, i tanti punti di interesse, il buon cibo, i teatri e le terme ne fanno un paradiso per il relax. Heller Garden di Gardone Riviera mi è piaciuto moltissimo e ti consiglio di inserirlo nella to do list del tuo prossimo viaggio sul Garda! 😉

P.S. Entra a far parte del nostro gruppo di donne viaggiatrici! Parleremo delle nostre esperienze di viaggio e ci scambieremo tanti consigli e suggerimenti! 😉

Roberta Ferrazzi
Benvenuto in LeCosmopolite.it! Dopo diversi viaggi in solitaria (che poi solitaria non è mai) per il mondo, mi sono resa conto che raramente incontravo ragazze/i italiane/i in viaggio da soli. Così Laura ed io abbiamo deciso di fondare LeCosmopolite.it, un magazine che racconta quanto è bello scoprire questo nostro mondo, anche in solitaria. Nel 2016 ho deciso di chiudere con il mio lavoro 9-5, ho fondato Shake your S communication e oggi mi occupo di consulenza in comunicazione online e off line per un porfolio internazionale di clienti. Nel lontano 2009 ho fondato il magazine online ILoveZonaTortona.com (lifestyle) di cui LeCosmopolite.it cura la sezione "Viaggi". Per qualsiasi informazione e curiosità in merito ai miei viaggi lasciate un commento! ;)
http://www.shakeyour-s.com

Similar Articles

2 thoughts on “Gardone Riviera: il giardino botanico Heller Garden sul Lago di Garda

  1. è da un po’ che desidero visitare questo parco, devo ammettere che non sapevo che Haring avesse disegnato il biglietto che avrei potuto tenere perché!.. ho scoperto l esistenza di questo parco dopo aver trovato su un tavolo un biglietto abbandonato chissà da chi in un locale sul lago..

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top