Agua Azul - Chiapas

Chiapas: giungla e mistero e…100% umidità

Il Messico che non vi aspettate, una verdissima regione popolata da foreste pluviali, templi Maya celati nella fitta giungla e affascianti città coloniali. Tutto questo e molto altro vive nella regione del Chiapas.

E’ un Messico differente, ricco di contrasti, colmo di colori e di profumi della natura. Una regione che offre moltissimo e soddisfa tutte le esigenze, gli appassionati di trekking, gli amanti della natura, i cultori della buona cucina, tutti rimarranno a bocca aperta dall’incredibile offerta del Chiapas.

Day 1. E rieccomi su un bus ADO notturno, ormai ci ho preso l’abitudine, che mi porta dal terminale del bus di Zipolite a Tuxla Gutierrez in poco più di sei ore, pronta per intraprendere la traversata del Canon del Sumidero.

Non sto più nella pelle e sono molto curiosa di scoprire il tanto atteso Chiapas e la sua natura incontaminata, quasi non sento la stanchezza di un viaggio dai ritmi a dir poco incalzanti.

Non perdo tempo. Scendo dal bus e salgo a bordo di una “lancha”, le tipiche imbarcazioni scivolano sulle acque del Canon del Sumidero addentrandosi nelle splendide gole e svelando angoli di natura di rara bellezza. Il recorrido a bordo della lancha dura circa due ore, e per me è stato sicuramente uno dei posti più magici di questo viaggio. Ah, consigli per chi vuole intraprendere questa avventura: attrezzatevi di cappellino, occhiali da sole e crema solare, qui il sole sembra essere solo per voi.

Non poteva iniziare meglio di così la mia permanenza in Chiapas. Ops, in tutto questo mi ricordo che non ho ancora un posto dove dormire, ma al terminale del bus di Tuxla, dove riprendo i bagagli, mi suggeriscono l’ostello La Posada che si trova proprio a San Cristobal de Las Casas, dove sono diretta. E mi ritrovo di nuovo sul bus.

Viaggiando low budget il bus è la soluzione migliore e comoda, sono quasi sempre puntuali e confortevoli e in più hanno il vantaggio di attraversare anche gli angoli più nascosti del paese facendovi scoprire vere e proprie perle.

Canon del Sumidero

Day 2-3-4. Freddo e umido, due giorni prima in costume e ora felpa e giacca antivento. Anche questo fa parte dei contrasti del Messico. Il tempo varia molto e le escursioni termiche si avvertono anche durante il giorno.

Contentissima della scelta dell’ostello dove conosco un sacco di gente proveniente da tutto il mondo (che bello viaggiare!) mi dò subito da fare per ottimizzare il mio tempo a San Cristobal e scoprire il più possibile. Sulla to-do list scrivo i nomi dei posti che visiterò: Lagos de Montebello, Cascate di El Chiflon, pueblos magicos di San Juan Chamula e Zinacantàn, Agua Azul e Misol Ha e ovviamente l’affascinante centro storico di questa splendida città coloniale.

Partiamo proprio da San Cristobal, questo gioiellino di città fatto di colorate casette e vicoli acciotolati avvolto nella natura più incontaminata. L’atmosfera che si respira girovagando su e giù per le strette viuzze è frizzante e unica. Convivono in perfetta sintonia elementi rurali e urbani, antico e moderno. I colorati mercatini di artigianato (da non perdere per fare affari), i numerosi risorantini tipici e la vibrante vita notturna (fate un salto al Bar Revoluciòn per la musica dal vivo) rendono ancor più variopinto e allegro questo borgo coloniale.

Capisco subito che il mio pernottamento inziale verrà protratto perché questa regione offre davvero tantissimo per gli appassionati di natura. Ecco alcuni suggerimenti di luoghi da non perdere, senza svelare troppo per non togliervi la sorpresa:

Zinancantàn e San Juan Chamula:

A pochi km da San Cristobal del Las Casas di può venire catapultati indietro nel tempo e si scoprono tradizioni antiche e singolari pratiche religiose. Gli abitanti di Zinancatàn e San Juan Chamula, villaggi visitabili ogni giorno con tour di poche persone in combi da San Cristobal, conservano gli usi e i costumi di un tempo rifiutando i comfort della società moderna. Osservare donne e uomini nei loro coloratissimi costumi e scoprire come siano perfettamente a proprio agio nel rispetto delle loro tradizioni millenarie ha dell’incredibile.

Zinancatàn

Cascate di El Chiflòn e Lagos de Montebellos:

Il mio desiderio irrefrenabile di scoprire e conoscere nuovi paesaggi, mi porta al confine del Guatemala, dove si possono ammirare i fantastici Lagos de Montebellos. Un complesso di laghetti di un blu intenso pittorescamente adagiati tra verdi colline e alberi secolari. A poche ore da San Cristobal in direzione Sud, si giunge a bordo degli ormai consueti combi, di cui ormai non potrete fare a meno, nello spettacolare Parco nazionale Lagos de Montebellos: uno spettacolo per anima e corpo. Stesso giorno altro luogo, eccomi ora ai piedi delle imponenti cascate di El Chiflòn. L’ennesimo parco nazionale del Chiapas che offre uno scenario suggestivo e qualche spruzzo rinfrescante. Agosto si sa, on è la stagione migliore per visitare il Messico, è la stagione umida e le piogge sono frequenti. Le acque delle cascate non sono quindi cristalline come in inverno (da novembre a maggio) ma piuttosto torbide perché alimentate dall’acqua piovana.

Lagos de Montebello

Misol Ha e Agua Azul:

Il Chiapas mi stupisce ogni giorno di più e mi lascia letteralmente a bocca aperta alla vista delle paradisiache cascate di Agua Azul. Raggiungibili in circa 4 ore da San Cristobal, questo paradiso azzuro ha dell’incredibile, vedere per credere (foto seguente). Sfido chiunque a resistere a un tuffo nelle gelide acque, ne uscirete rigenerati… e anche un po’ infreddoliti, il che non è male considerando le torride temperature esterne.

Seconda tappa della giornata: altra cascata, ormai ci ho preso gusto. Questa volta di tratta della cascata di Misol Ha, un tuffo veloce e una nuotata direttamente sotto la fresca cascata. Rigenerati e rinfrescati si riparte alla volta di Palenque, giornata infinita!

Aqua Azul

Palenque:

Giunta non proprio fresca come una rosa a Palenque, vengo subito accolta da un afa che non credevo nemmeno potesse esistere. La curiosità di visitare questo imponente complesso Maya è alle stelle, ma non mi fa dimenticare l’afa torrida.

Visitare i tempi alle tre del pomeriggio non è proprio un’idea geniale, ma si fa di necessità virtù e radunate le poche forze che mi rimangono, mi dirigo alla scoperta dei millenari tempi e palazzi. E’ anche da considerare il fatto che i nostri amici Maya avevano una particolare predilezione per i gradini, e infatti per godere appieno della visita ai tempi è necessario salire e scendere dagli altissimi scalini, un vero toccasana col caldo! (I am joking).

Sogno una doccia o un tuffo al mare, e invece decido di non perder tempo e salgo a bordo di un bus che mi porta a Merida, nella penisola dello Yucatàn, ultima tappa del mio viaggio in Messico.

Ora mi aspettano e vi aspettano, spiagge bianche, acque cristalline e cielo blu. Continuate a seguirmi, prossima tappa Yucatàn.

La regione del Chiapas merita una riflessione. Spesso si associa il Messico esclusivamente alle spiagge bianche e alle acque azzurre di Cancun, alle rovine Maya di Tulum che si affacciano sul mare cristallino. Ebbene, si tratta di una visione limitata di quello che offre veramente questo straordinario paese. Il Chiapas è una perla di rara bellezza, una regione immersa nella natura che offre innumerevoli suggestioni e scorci di rara bellezza, un perfetto mix di antico e moderno immerso in una rigogliosa giungla. Meriterebbe una viaggio a sè stante.

 

 

 

 

Laura Ronchi

Avete detto viaggio? Eccomi.
Sognatrice e sempre pronta a scoprire il mondo, se poi si tratta di viaggi avventura ancora meglio.
Account digital di professione, sportiva di natura, designer di gioielli per vocazione… tra un viaggio e l’altro… penso alla prossima meta!
Le Cosmopolite è un magazine online nato insieme alla mia compare Roberta per condividere col mondo i nostri viaggi, i consigli, e i trucchi per conoscere e scoprire il fantastico “cosmo” in cui viviamo.
Tra gli articoli troverete suggerimenti e idee sulla vostra prossima meta o semplicemente suggestioni per spronarvi a partire se ancora non l’avete fatto.

Similar Articles

Lascia un commento

Top