Cambusa barca a vela

Cambusa: come organizzare al meglio le tue vacanze in barca a vela

La cambusa è un aspetto molto importante e delicato nell’organizzazione di una vacanza in barca a vela. Tutti sanno che vivere in gruppo in uno spazio ristretto può creare delle tensioni, se per di più il palato e lo stomaco non saranno soddisfatti a dovere, c’è il rischio che gli animi si accendano come micce. Ecco perchè pianificare una buona lista per la cambusa e quindi il menu da portare in barca, è un punto molto impartante quando ci si imbarca per un vela tour.

Cambusa

Barca a vela per principianti

Per una cambusa di successo bisogna muoversi prima della partenza!
È opportuno valutare il fatto che noi italiani, quando si tratta di cucina, abbiamo le nostre priorità. E’ cosa buona condividere con i vostri futuri compagni di viaggio una lista di cibi e attrezzature da portare da casa. Dividere i compiti non influirà sulla valigia di nessuno, ma farà la felicità del gruppo, se tutto verrà diviso equamente per dimensione, peso e costo.

Il resto verrà invece acquistato una volta giunti a destinazione, prima di imbarcarsi.

Lista cambusa

Facciamo finta di partire per una settimana di vacanze in barca a vela e che in barca ci siano 8/10 persone.
Ecco qui la mia personalissima lista della cambusa che solitamente condivido con i miei futuri compagni di viaggio.

Solitamente tra le cose da mettere in valigia in una vacanza in barca a vela vanno annoverate:

  • Pasta: partite con almeno 3 kg di pasta (scegliete una tipologia) o pasta e riso (ottimo per il post baldoria 🙂 ) che vi basterà per 4 o 5 volte. Poi potrete comprarla in loco.
  • 2 Kg di Parmigiano e una grattugia.
  • Olio in latta, il packaging migliore da trasportare e da tenere in barca.
  • Salumi: almeno che tutto l’equipaggio non sia vegetariano un po’ di salame e una dadolata di mortadella sono perfette per un aperitivo in barca.
  • Spezie: comprerete in loco sale, zucchero e pepe. Il resto portatelo da casa.
  • 2 barattoli di latta di caffè e una caffettiera. Oppure cialde e una macchina da caffè da viaggio.
  • Un pennarello per scrivere il vostro nome sui bicchieri di plastica.

Cosa mangiare in barca a vela

Ora siamo arrivati a destinazione, tra poco si parte. E’ tempo di fare la vera cambusa!

Designate 3 o 4 persone per barca, dividetevi i compiti e andate al supermercato. Evitate i market delle Marine, che sono carissimi. Piuttosto noleggiate un pulmino con conducente (magari quello che dall’aeroporto vi ha portato alla Marina) e fatevi portare nei negozi frequentati dalla gente del posto.

Ti stai chiedendo cosa portare in barca a vela? Scopri come vestirsi in barca a vela e come prepare la valigia per una vacanza in barca!

 

Cosa mangiare in barca a vela

Trovate di seguito quello che non può mancare per un menù in barca a vela:

  • Colazione: dolci vari, biscotti, yogurt, cereali, succhi di frutta, latte, miele, zucchero ecc.
  • Primi e Secondi piatti: sugo di pomodoro, pesto, tonno in scatola, condimenti (tipo olive, fagioli, mais), formaggi, uova, affettati, acciughe (per il mal di mare, oltre che per la pasta) ecc.
  • Pane: pane in cassetta, cracker e grissini.
  • Aperitivo: patatine, taralli e stuzzichini salati.
  • Verdura: prediligete insalata, pomodori e vederdura che si possa mangiare sia cruda che cotta.
  • Frutta: limoni, avocado e tutto quello che di buono troverete sul posto.
  • Bere: tanta acqua, Coca Cola, birra, vino ecc.
    Per quanto riguarda l’acqua, comprate almeno 12 bottigliette da mezzo litro (servono per le discese in spiaggia .. e per eventuali posaceneri per fumatori) e almeno 24 bottiglie da 1,5L, che mano a mano riempirete con l’acqua di almeno 5 bottiglioni da 3 o 5 L. Questi saranno comodi da trasportare, comodi da stivare, comodi da usare come “getta carta igienica” nel bagno (lo sapete vero che in barca la carta non si getta nel wc..?).
  • Stoviglie: piatti, bicchieri e ciotoline usa e getta. Ciotole giganti per le insalatone e la frutta.
  • Altro:
    • 3 rotoli di carta da cucina (la userete anche come tovagliolo)
    • detersivo per piatti
    • una confezione di spugne (per cucina e bagno)
    • un detersivo per pulire le superfici
    • qualche straccio da pavimento (per la cucina e per i bagni nel caso facciate la doccia in cabina)
    • sacchi della spazzatura (regular e giganti per stivare i regular in attesa che troviate un bidone a terra)
    • sapone per le mani
    • carta igienica (calcolatene un rotolo a testa ogni 2 giorni)
    • un paio di canovacci

Nota bene: chi fa la cambusa di solito non vede prima la barca. Mentre siete al supermercato fatevi chiamare da qualcuno che nel frattempo è salito a bordo, così se vede che manca qualcosa in particolare (o che non è necessario comprare qualcos’altro della lista) potrà comunicarvelo in diretta.

Quanto costa una vacanza in barca a vela

Per una corretta gestione della cambusa dovrete costituire una cassa comune prima di partire per il supermercato.
Quanto spenderete per la cambusa?
Il prezzo varia moltissimo dal paese in cui vi trovate e dal tipo di spesa che farete, ma dubito si possa spendere meno di 150€ per la “prima cambusa”. Se è ben fatta, durante la vacanza serviranno solo piccoli aggiustamenti, oltre all’acquisto di frutta e verdura.

Solito mio piccolo spoiler: la parte brutta di tutto ciò? Sistemare le mille cose che comprerete in 4 vani e un mini frigorifero. Ma se vi piace giocare a Tetris, buon divertimento! 😀

Sara Traversari
Dopo una bella ed impegnativa carriera nel mondo dell’editoria, ho da poco deciso di dedicarmi alla mia vera grande passione, i Viaggi! Il mio mezzo preferito è la barca a vela. Mentre mi preparo a farlo diventare uno stile di vita, vi porterò in viaggio con me ogni tanto via terra, ma soprattutto via mare. Insieme attraverseremo mari ed oceani in barca a vela e catamarano, dove viaggiare da soli significa viaggiare con mille amici. Siete pronti a salpare?
http://ycbo.it/

Similar Articles

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top